Dalla Spagna a Bari: il ritorno dello Chef Carra ai suoi sapori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Un gradito ritorno in Italia quello dello Chef Donato Carra. Un professionista ,un nome che resta non solo nell'anima, ma si insinua nella mente e nel cuore di chi ne ha sentito solo parlare . Lui vero e proprio vanto della Puglia ai fornelli che negli anni lo ha portato ad inventarsi avamposti del gusto,ma, come nei suoi straordinari piatti, il vero segreto è quello di sapere amalgamare ingredienti diversi. Lo chef ,di ritorno dalla Spagna si è fermato nella sua città natale : Bari,una abnegazione, per certi versi, commovente perchè è come se tutta la Puglia volesse riabbracciare questo suo figlio che ha deciso di tornare a casa. E, magari, una delle sue tante iniziative potrebbe nascere anche qui da noi Sarà per la sua anima barese, sarà per la sua maestria nell'arte culinaria, sarà per la sua semplicità, ma ai media è piaciuto dalla prima domanda, anzi, dalla prima risposta. Un' intervista semplice in cui le domande nascevano spontanee e curiose verso il Cuoco e non lo chef , che così si definiva Oggi è facile e fin troppo abusato parlare di cucina gourmet, nonché proporre la stessa cucina in assurdi accostamenti presentandoli come altrettanto assurde idee creative che poi al palato vanno a stimolare ben poco le papille gustative (e non diciamo cos'altro vanno a stimolare). Per lo chef Carra , in realtà, la cucina gourmet si amplifica nel concetto stesso che ha di questo, ovvero, attenzione maniacale al piatto che inizia dall'impalcatura stessa del progetto che disegna e mette in piedi. Che poi pone alla base la conoscenza e la ricerca continua della materia prima, questo lo dà quasi per scontato. Una ricerca orientata soprattutto alla scoperta-approfondimento del territorio pugliese. Dopo un lungo vissuto all'estero, finalmente nella sua Bari riesce costantemente a inventarsi nuovi stimoli di sapori, valorizzando il contesto in cui si trova. Territorio e tradizione quindi che diventano ancelle della sua tecnica, con la quale dà brio e movimento alle sue creazioni

Torna su
BariToday è in caricamento