Domenica, 1 Agosto 2021
Cultura Torre a Mare / Via Morelli e Silvati

Musica, danze e cucina etnica: Bari celebra il "Capodanno afghano"

Domani pomeriggio il centro di ascolto per famiglie di Torre a Mare ospita la festa del Nowruz. L'evento si inserisce nella Settimana mondiale d'azione contro il razzismo

Una festa per celebrare il "capodanno afghano", all'insegna del rispetto per le altre culture e della reciproca conoscenza. Nasce così l'evento organizzato e promosso dal Centro interculturale “Cacciatori di Aquiloni” della Fondazione Giovanni Paolo II Onlus, dal Centro di Ascolto per Famiglie di Japigia - Torre a mare, dall’assessorato al Welfare del Comune di Bari con la collaborazione di famiglie curde e afghane e dei migranti del CARA, che si terrà domani pomeriggio  nel centro di ascolto per famiglie di Torre a Mare  a partire dalle 17.

IL "CAPODANNO AFGHANO" - La celebrazione del Nowruz (meglio nota come "capodanno afghano") è la festa simbolo della rinascita e della speranza nelle antiche tradizioni dei popoli dell’Iran, Azerbaijan, Afghanistan, Turkmenistan, Tagikistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Kazakistan, dei Kurdi di Iraq, Siria e Turchia e di alcune etnie del Pakistan. Musiche, danze popolari etniche, colori, sapori e tradizioni saranno protagonisti della celebrazione del Char Shanbe Sur curata dagli stessi partecipanti all’evento con la collaborazione degli operatori del Centro per le Famiglie.

LA SETTIMANA CONTRO IL RAZZISMO - L’evento si inserisce nella Settimana mondiale d’azione contro il razzismo e rappresenta un’occasione importante anche per conoscere le esperienze di migrazione - attraverso la musica, la danza e le immagini - di tanti giovani afghani, curdi e iraniani in fuga dalla guerra e dalla repressione.

“L’iniziativa del 23 marzo - dichiara l’assessore al Welfare Ludovico Abbaticchio - è un ulteriore intervento promosso dall’amministrazione comunale in favore dell’inclusione sociale dei migranti e, soprattutto, dell’integrazione e dello scambio interculturale tra famiglie italiane e straniere attraverso progetti innovativi. Particolarmente significativo in tale direzione è il luogo che ospita l’evento, un Centro per le famiglie e per i minori, dove quotidianamente si sperimenta la ricchezza dell’integrazione e dell’arricchimento reciproco tra culture, esperienze, generazioni e progetti”.


Per informazioni:

- Centro di Ascolto per le Famiglie, via Morelli e Silvati (nei pressi della Scuola dell’Infanzia “E. e C. Acquaro”) - Torre a Mare, Bari - dal mercoledì alla domenica, dalle ore 16.00 alle 19.00 - tel. 080.543225

- Centro di Ascolto per Famiglie Japigia, - dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 -tel. 080.5546246.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica, danze e cucina etnica: Bari celebra il "Capodanno afghano"

BariToday è in caricamento