Cultura

San Nicola, tra fede e tradizione si rinnova la festa del 6 dicembre

Baresi e pellegrini affolleranno la Basilica sin dall'alba per partecipare alle Messe in onore del Santo. Nel pomeriggio la processione per le strade del borgo antico e in Comune la cerimonia di consegna del "Nicolino d'oro"

Per i baresi è il giorno della “Fèsta granne” (Festa grande), più intima, più familiare della Sagra di maggio, quella che segna simbolicamente l'inizio dei preparativi per il Natale. Nel giorno in cui la Chiesa festeggia il nome di San Nicola, vescovo e Santo di Myra, Bari si prepara ancora una volta a vivere una giornata intensa, all'insegna delle tradizioni e della devozione per il Santo Patrono.

FEDE E TRADIZIONE - Sin dall'alba di domani mattina, baresi e pellegrini si ritroveranno in Basilica per partecipare alle Messe in onore del Santo: la prima sarà celebrata alle 5 - e poi ogni ora per tutta la giornata - ma la Basilica resterà aperta già stanotte per accogliere i devoti. Sul sagrato della Basilica si ritroveranno anche i partecipanti alla fiaccolata in onore di San Nicola, che partirà domani alle 5 da Parco Due Giugno e dalla pineta di San Francesco per arrivare davanti alla Basilica in concomitanza con la fine della prima messa. Altro rito della devozione popolare è quello che vede le fanciulle affidarsi all'intercessione del Santo per trovare marito. Fino a qualche anno fa, l'usanza era quella di far girare le giovani in età da marito intorno alla 'colonna miracolosa'  che è conservata nella cripta della Basilica. Usanza negata da quando la colonna, per problemi di stabilità, è stata ingabbiata, e al tradizionale 'giro' è subentrata l'abitudine di affidare le proprie richieste al Santo a bigliettini che vengono depositati ai piedi della colonna.

Ma ai riti della fede domani si intrecciano anche quelli della tradizione. Dopo la Messa delle 5, è d'obbligo la colazione con cioccolata calda e savoiardi nei bar del borgo antico. E dopo la colazione, via libera a “fecàzze, sgaggliòzze e popìzze” da acquistare e consumare per le stradine di Bari vecchia.

LE CELEBRAZIONI SACRE - La giornata di celebrazioni continuerà poi nel pomeriggio. Alle 17.30, sempre nella Basilica, ci sarà la messa solenne presieduta da monsignor Francesco Cacucci, mentre alle ore 18.45 partirà la processione con la statua del Santo per le strade di Bari vecchia.

IL NICOLINO D'ORO - Sempre nel pomeriggio, alle 16.30 a Palazzo di Città,  si terrà la tradizionale cerimonia per la consegna del "Nicolino d’Oro", il premio promosso dal circolo ACLI "Dalfino" che viene conferito ogni anno ad enti, istituzioni e cittadini baresi che con la propria attività si sono distinti dando lustro alla città di Bari. Alla cerimonia, patrocinata dal Comune di Bari, interverrà l’assessore al decentramento Margherita Giampaolo. Per il 2012 saranno premiati: il dott. Giovanni Fiore per la sezione medicina, Vito Signorile per la sezione Cultura, la Parrocchia della Cattedrale per la sezione Sociale, il signor Fernando Allegrezza per la sezione Baresità, l’associazione FIASS per la sezione Volontariato e la Polizia di Stato per la sezione Istituzioni. Un premio alla memoria andrà al Padre Priore Girolamo de Vito.


I FUOCHI PIROTECNICI - A completare il quadro dei festeggiamenti, in mattinata per le strade della città vecchia e del centro si susseguiranno le esibizioni di artisti di strada e musicisti. A chiudere la giornata di festa sarà il tradizionale spettacolo pirotecnico, con inizio alle ore 20.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Nicola, tra fede e tradizione si rinnova la festa del 6 dicembre

BariToday è in caricamento