menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ermal Meta e Fabrizio Moro (Foto Ansa)

Ermal Meta e Fabrizio Moro (Foto Ansa)

Ermal Meta a rischio eliminazione da Sanremo? "Brano presentato non è plagio"

Il testo e le melodie di 'Non mi avete fatto niente' - inno contro il terrorismo cantato con Fabrizio Moro -, sarebbero simili a 'Silenzio', interpretato a Sanremo Giovani da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. La direzione del festival: "Restano in gara"

Con il loro brano 'Non mi avete fatto niente' sono già tra i favoriti per la vittoria finale, ma per il cantante Ermal Meta - albanese d'origine, ma barese d'adozione - e il collega Fabrizio Moro l'avventura al festival di Sanremo potrebbe concludersi prematuramente?. Allarme rientrato. Il ritornello della canzone - un attacco diretto a ogni forma di terrorismo, ricordando gli attentati di Barcellona e Parigi - era risultato molto simile a un brano presentato a Sanremo Giovani nel 2016: 'Silenzio', cantata da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. I più attenti avevano notato che tra gli autori del testo c'è anche Andrea Febo, il quale aveva anche scritto il testo presentato nel 2016. E infatti, oltre alla melodia, ricorrono parole simili tra le due canzoni. "Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente", recitava 'Silenzio'. "Non mi avete fatto niente, non mi avete tolto niente, questa è la mia vita che va avanti, oltre tutto, oltre la gente", è invece il testo di Meta e Moro.

La questione, però, è rientrata nel corso della mattinata, durante la consueta conferenza stampa post-serata. il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo, secondo quanto riporta l'Ansa, ha specificato che l'autore è lo stesso il regolamento permette la possibilità di campionare o urilizzare stralci entro un limite del 30%. La canzone, dunque, avrebbe i requisiti di un "brano nuovo a tutti gli effetti".

Secondo quanto dichiarato sempre da Agenzia Ansa, il problema non sarebbe stato il possibile plagio, dal momento che entrambi i brani hanno lo stesso autore, ma l'assenza del requisito di brano inedito per una parte della canzone. La questione era immediatamente rimbalzata sui social: i fan di Meta e Moro avevano sottolineato che "nelle interviste rilasciate a Sanremo i due hanno spiegato con chiarezza che il ritornello era già esistente e che il pezzo si è sviluppato da quel ritornello di Febo". Dichiarazione subito condivisa dallo stesso Meta su twitter.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento