menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle foto della mostra (Foto copertina e articolo di Martina Picciallo)

Una delle foto della mostra (Foto copertina e articolo di Martina Picciallo)

Dall'aiuto agli armeni in fuga al primo libro stampato in città: la storia di Bari in 10 scatti

'Ti racconto Bari' è il titolo della personale della 25enne Martina Picciallo, esposta all'interno della libreria Bari Ignota. In ogni foto un personaggio, un libro e un episodio strettamente legati tra di loro

La storia di Bari raccontata attraverso una figura, un libro e un episodio, tutti strettamente collegati tra di loro. A tessere l'immaginario fil rouge è la mano della fotografa barese 25enne Martina Picciallo, che attraverso gli scatti compie un'azione semplice: 'Ti racconto Bari', esattamente come il titolo della sua mostra inaugurata sabato 16 marzo nella libreria Bari Ignota.

IMG_2812copp-2-2

Storia di Bari negli scatti

Dieci scatti carichi di significato, che ritraggono Paolo Scagliarini, Enrica Simonetti, Egidio Pani, Carlo Fusca, Marco Montrone e la redazione di Barinedita, Paola di Marzo, Luigi Bramato e Valeria Bottalico, Stefano de Carolis, Rupen Timurian e Pasquale Trizio. Ognuno con un particolare collegamento al libro che tengono in mano a favore di fotocamera: l'operatrice culturale Paola di Marzo, ad esempio, è ritratta al Museo Civico di Bari con le 'Operette del Parthenopeo Suauio in uarij tempi e per diversi subietti composte, et da Siluan Flammineo insiemi raccolte, et alla amorosa e moral sua Calamita intitolate', il primo libro stampato nel capoluogo, risalente al 1535 e firmato dal napoletano Colantonio Carmignano, uomo pubblico, tesoriere di Stato e accompagnatore della regina Bona Sforza nel suo viaggio nuziale del 1517. Ci sono poi episodi più recenti, che ancora assurgono alle cronache locali, come il caso del Villaggio Trieste, realizzato nel 1956 per dare accoglienza ai profughi italiani di Grecia, Albania, Libia e Dalmazia. A fondare l'istituto storico del Villaggio Trieste sono stati  Antonio Scagliarini e il figlio Paolo; quest'ultimo ritratto dalla Picciallo con il volume da lui scritto, che ripercorre questa particolare storia barese "Villaggio Trieste. Bari 1956: una terra di esuli in Patria?".

IMG_2821copp-2

È legato da un filo invisibile che unisce Occidente e Oriente anche lo scatto dedicato a Rupen Timurian, imprenditore e presidente onorario del centro Studi Hrand Nazariantz di Bari, che nella foto in mostra mantiene il libro 'Nazariantz'. Scritto del libraio barese Pasquale Sorrenti, è una biografia di Hrand Nazariantz, scrittore, poeta e giornalista armeno che nel 1912 si trasferì in città, aiutando molti suoi compatrioti perseguitati dai Giovani Turchi a trovare riparo nel capoluogo pugliese. Tanto da realizzare nel 1926 il villaggio armeno 'Nor Arax' di Bari. 

"Per la mostra l'autrice è partita da un singolo elemento: il libro - spiega il fondatore della libreria Bari Ignota, Luigi Bramato - Ognuno dei volumi ritratti è infatti presente in libreria per raccontare una parte della storia della città che magari non tutti conoscono".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento