menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Pinocchio la cittadinanza onoraria barese: la favola del burattino rivive in dialetto grazie a Vito Signorile

L'iniziativa dell'attore e regista, che "reso barese" il celebre personaggio nato dalla fantasia di Collodi

Anche Pinocchio parlerà barese. Il celebre burattino nato dalla fantasia di Carlo Collodi è diventato 'cittadino onorario' di Bari grazie a Vito Signorile, l'attore e regista, riconosciuto cultore della baresità, che ha deciso di tradurre in dialetto la favola.

Da qui l'idea di conferire al burattino anche la cittadinanza onoraria, come speigato questa mattina dallo stesso Signorile in conferenza stampa a Palazzo di Città.

“Ringrazio sinceramente il sindaco e il presidente Cascella - ha sottolineato Vito Signorile - perché hanno dedicato parte del proprio tempo e impegno ad un’iniziativa che, in definitiva, è anzitutto un gioco. La cittadinanza attribuita a Pinocchio va oltre la semplice traduzione della sua favola in dialetto barese perché io, come attore, intendevo rendere ‘barese’ questo personaggio, trasformando le vicende, i luoghi e le situazioni vissute in Toscana in un patrimonio barese. Mentre lavoravo a questo progetto, ho maturato la convinzione che questo fantastico personaggio, simbolo della menzogna, in fondo non chiede altro che di diventare un bambino come gli altri. E il pensiero in questo caso va al grande senso di accoglienza di San Nicola e del popolo barese nella sua generosità”.

“Con immenso piacere - ha affermato il sindaco Decaro - ho autorizzato Vito Signorile a consegnare questa onorificenza a Pinocchio, e sono contento che accada in questo giorno particolare, perché poco fa abbiamo presentato il calendario delle iniziative natalizie promosse dall’amministrazione comunale, interamente dedicato ai bambini della nostra città. La nostra attenzione nei confronti dei più piccoli si concretizza in iniziative quali il Villaggio di Babbo Natale, dove si potranno consegnare le letterine a lui indirizzate, o il Bari Social Christmas, uno spazio in piazza del Ferrarese dove tutti i giorni, fino all’Epifania, i bambini e le bambine saranno coinvolti in laboratori, attività ludiche e potranno assistere a film e spettacoli. Pinocchio, a mio parere, rappresenta il più importante romanzo di tutti i tempi dedicato ai bambini: il naso che si allunga, Geppetto, Mangiafuoco, il Grillo parlante, la Fatina sono personaggi e simboli senza tempo, entrati a pieno titolo nell’immaginario collettivo”.

“A circa 140 anni dalla scrittura di questo straordinario libro - concluso Giuseppe Cascella - celebriamo oggi il libro italiano forse più famoso nel mondo, nato dalla fantasia di Carlo Lorenzini, in arte Collodi. Un testo tradotto in circa 240 lingue, persino Tolstoj si cimentò nella traduzione. Mancava appunto una versione in dialetto barese. Un Pinocchio che, in questa versione, è raffigurato come un bambino dal carattere buono. Pinocchio, come tutte le fiabe, proietta il lettore verso un mondo immaginario, ma l’opera di Signorile rende il famoso burattino quanto mai reale e attuale. L’amministrazione, quindi, vista la notorietà planetaria di Pinocchio e il messaggio universale che racchiude in sé, ha ritenuto opportuno insignire il singolare burattino/bambino della cittadinanza onoraria barese”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento