Ultimi ciak per 'L'uomo dal fiore in bocca': le riprese del film di Lavia si concludono nel Barese

E' Modugno la città scelta dal regista e attore per le ultime scene dell'adattamento del suo spettacolo teatrale tratto dal dramma borghese di Luigi Pirandello

Un momento dello spettacolo teatrale da cui è tratto il film

Si concludono a Modugno (Bari), dopo tre settimane, le riprese del film 'L'uomo dal fiore in bocca', diretto e interpretato da Gabriele Lavia, che ha preso spunto dal proprio spettacolo teatrale tratto dal dramma borghese di Luigi Pirandello. Sullo schermo, dunque, la riflessione sulla vita e la morte nel dialogo di un uomo malato di tumore con un casuale avventore del caffè di una stazione. La troupe è composta anche da Michele Demaria e Rita Palasciano, in un film con la fotografia di Tommaso Lusena De Sarmiento, scenografia di Dario Curatolo e costumi di Angela Tommasicchio, prodotto da One More Pictures con Rai Cinema, production service della Dinamo Film e sostegno logistico di Apulia Film Commission.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento del regista

"Una stazione della nostra vita dove ci può essere un treno virtuale per andare oltre, altrove. Quello che è l'altrove non si sa": così l'attore e regista parla del film, girato interamente in un capannone della zona industriale di Modugno, dove la stazione che fa da scenografia al racconto è stata interamente realizzata in 3D e un'altra parte di scenografia prenderà vita grazie alla tecnica del 'green screen': "Questo è un mistero per me - ammette Lavia - dall'altra parte c'è tutta una stanza verde" e "contiene semplicemente venti metri di binari veri. Poi, con sistemi della virtualità, il treno e il maltempo saranno messi al posto del verde", dunque un "treno virtuale" che rappresenta la vita, "una stazione in cui si trova un uomo per andare oltre se stesso. Questo oltre se stesso può essere un grado di conoscenza maggiore ma può essere anche la morte di un momento, perché ogni stadio della vita che ognuno di noi supera è una morte". "Amo molto Bari - dice Lavia parlando della sua esperienza pugliese - le sue tipiche orecchiette con le cime di rape, molto più buone del film", scherza. E annuncia che tornerà nella prossima stagione con un suo spettacolo nel restaurato teatro Piccinni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Formiche volanti: come scongiurare l'invasione in casa

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento