menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corteo di San Nicola annullato per la pandemia, al suo posto uno spettacolo dedicato al Patrono: sarà trasmesso in tv e streaming

Approvato dalla Giunta comunale di Bari il progetto, finanziato con 50mila euro. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando per individuare il soggetto attuatore

Uno spettacolo dedicato a San Nicola, per 'sostituire' il tradizionale 'Corteo storico' a Bari annullato per il secondo anno a causa della pandemia. È il progetto del Comune, che negli scorsi giorni ha approvato la delibera che dispone la realizzazione dell'evento, dedicato al racconto e agli eventi nicolaiani, nella serata del 7 maggio. Iniziativa per cui sarà pubblicato un bando nei prossimi giorni, per un importo totale di 50mila euro. 

La fruizione dell’evento, come spiegano dal Comune, avverrà esclusivamente a mezzo diretta tv e in modalità live streaming su almeno un’emittente televisiva e di rilievo regionale, con contestuale organizzazione dell’area interessata da parte dell’appaltatore, nel rispetto delle misure di prevenzione e contenimento da contagio Covid-19. Inoltre "dovrà avere la durata di almeno 90 minuti (nell’arco temporale compreso tra le ore 19 e le 24) e svolgersi nello spazio di largo Abate Elia antistante la Basilica di San Nicola".

La scelta di realizzare uno spettacolo dedicato a San Nicola nell’attuale situazione emergenziale è dettata dalla particolare rilevanza che le celebrazioni del Santo patrono rivestono per la città di Bari: per questo, seppure con specifiche modalità operative e di attuazione, l’amministrazione comunale intende rievocare la traslazione delle reliquie del vescovo di Myra per dar vita a un momento di resilienza e di rinascita in cui la comunità possa riconoscersi pur senza parteciparvi fisicamente.

"Il rapporto di identificazione tra San Nicola e la città di Bari è profondo e radicato, tanto che l’appuntamento con le celebrazioni di maggio rappresenta senz’altro l’evento più atteso dell’anno - commenta Ines Pierucci -. Non a caso proprio il culto nicolaiano è stato scelto quale aspetto fondante del concept di candidatura di Bari Capitale italiana della Cultura 2022, in virtù della sua trasversalità e diffusione. Quanto al corteo storico, che della sagra di maggio costituisce la manifestazione di punta, negli ultimi anni da semplice rievocazione storica si è trasformato in un evento emozionante grazie a performance artistiche che hanno raccolto l’apprezzamento non solo dei baresi ma anche delle migliaia di visitatori e turisti affascinati da un evento che coniuga fede e spettacolo". "Dopo la sospensione dello scorso anno dovuta al lockdown - prosegue l'assessore - anche in questo 2021 la nostra città, a causa della pandemia, non potrà ritrovarsi per condividere le emozioni delle giornate del 7, 8 e 9 maggio, ma abbiamo comunque immaginato di realizzare uno spettacolo dedicato al nostro patrono che possa farci sentire uniti nel nome dei valori nicolaiani, rappresentando al contempo una speranza per la fine di questa emergenza che da un anno tiene prigioniero il mondo intero”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento