menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei rendering del progetto

Uno dei rendering del progetto

Spettacoli, mostre e laboratori: il Flacco 'apre le porte' agli abitanti del Libertà

Il progetto 'Open Flacco' ha ricevuto più di 95mila euro in un bando del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Il cortile interno del liceo ospiterà un festival con diversi eventi

Favorire il dialogo tra studenti e quartiere, aprendo uno spazio scolastico per un festival dedicato alle arti. Si potrebbero riassumere così gli obiettivi del progetto 'Open Flacco', per cui il liceo classico nel rione Libertà ha ricevuto un finanziamento di oltre 95mila euro nell'ambito del bando "Scuola: Spazio aperto alla cultura" del ministero dei Beni e delle Attività culturali. 

L'iniziativa vedrà attive in prima persona il Planar, il Kismet e l'associazione 'I bambini di Truffaut', che utilizzeranno il cortile interno del liceo classico - su cui sarà montato un palco mobile - per realizzare spettacoli teatrali, mostre fotografiche, incontri incentrati sulle relazioni tra cinema e letteratura coprodotti con gli abitanti del rione. Il tutto all'interno di un festival, nato dai laborativi creativi che vedranno protagonisti gli studenti del flacco e i ragazzi del quartiere Libertà.

vista palco_2-2"Si tratta del solo progetto vincitore a Bari", ha spiegato la preside del Flacco Anna Ruggiero -. "'Open Flacco' vuole creare un epicentro della creatività legato alle arti visive, permeabile alle comunità del quartiere Libertà e alla cittadinanza di Bari, per incidere sulle fragilità del contesto in cui il liceo Orazio Flacco si inserisce".

A coordinare gli spazi sarà 'Small', l'associazione culturale formata da architetti che si occupa di spazio pubblico e di riuso di spazi urbani sottoutilizzati. Uno di questi è proprio il liceo Quinto Orazio Flacco. "Otterremo così - spiega il fondatore Alessandro Cariello - un doppio risultato: quello di conferire alla cittadinanza una nuova piazza, in un quartiere così povero di spazi pubblici, e di riattivare uno spazio per farne un epicentro di diffusione della creatività contemporanea e dunque strumento principe per contrastare la povertà educativa di alcuni contesti urbani molto fragili come il Libertà". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento