menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra installazioni, festival musicali e dibattiti, a Bari il nuovo TEDx nel segno del 'disordine':

L'evento principale della terza edizione della conferenza si terrà al teatro Petruzzelli domenica 19 novembre. Undici gli speaker che si alterneranno sul palco, ma non mancano gli eventi collaterali

"Quest'edizione del TEDx è sperimentale, abbiamo provato a fuoriuscire dai classici schemi dell'evento, proponendo iniziative collaterali capaci comunque di 'riannodarsi' ai fili dell'incontro al Petruzzelli". Nicola Curzio, direttore artistico della terza edizione barese della conferenza-spettacolo in programma domenica 19 novembre alle 17.30, spiega come la conferenza barese delle 'idee da diffondere' si stia innovando, abbandonando in parte il modello perpetrato dal primo TEDx californiano del 1984. Questa mattina è stato presentato a villa Romanazzi il programma della nuova edizione della conferenza internazionale.

Il tema del disordine

E non è un caso che il tema scelto per l'edizione 2017 sia proprio 'disordine', come conferma anche il licenser della manifestazione, Davide Giardino. "Vogliamo uscire dall'ottica classica del TEDx, offrendo un evento unico ai tanti spettatori che ci seguono", spiega. Da qui la scelta di 11 speaker che provengono da ambiti molto diversi tra di loro, nell'ottica di presentare "l'aspetto positivo del disordine - commenta Curzio -, ovvero quello di uscire dal tracciato di un tema preciso e poter interessare un pubblico sempre più ampio". 

L'idea del disordine ritorna anche nell'elenco delle associazioni benefiche che collaborano con la terza edizione del TEDx, come la onlus 'Never give up', dal 2014 in campo per la lotta ai disturbi della nutrizione e dell'alimentazione. I volontari saranno presenti all'esterno del Petruzzelli anche domenica 19 novembre, per sensibilizzare soprattutto i giovani sul tema e aiutarli a riconoscere i fattori di rischio legati ai disordini alimentari.

Gli ospiti del Petruzzelli

Ed in effetti a guardare il programma si nota subito che è la varietà a fare da protagonista: sul palco del Petruzzelli si alterneranno la socio-psicologa Mahzarin R. Banaji, la ricercatrice Fabiana Zollo, l'imprenditrice Barbara Cobili, il capo dei progetti di cybersecurity dell'Agenzia Spaziale Europea Luca Del Monte, il duo di compositori di musica elettronica Niagara, il giornalisra Raffaele Alberto Ventura, il digital artist inglese Andy Lomas, il visual artist Alexandre Bavard, lo scrittore e linguista Andrea De Benedetti, la chef leccese Isabella Potì e il designer statunitense Eric Rodenbeck.

In alcuni casi gli speaker tratteranno un tema sotto diverse ottiche, sottolineandone gli aspetti positivi in un caso e quelli negativi nell'altro. Ventura ad esempio tratterà il tema della classe disagiata e come questa rifletta la condizione di disordine della generazione dei 30-40enni, c'è chi invece - come De Benedetti - di un elemento percepito negativamente come l'errore, racconterà gli sviluppi positivi nella genesi del processo creativo.

La scelta del parterre di ospiti sembra aver colpito nel segno: dei circa 1300 posti a disposizione, sono stati già venduti oltre 1000 biglietti, per un evento che si preannuncia essere sold out.

Gli eventi collaterali

Il 'disordine' al centro del nuovo TEDx è rappresentato però anche dagli eventi collaterali, grande novità di questa edizione. Fino a questo pomeriggio si potrà ad esempio prendere parte al 'Bazar elettrico' della Sala Murat, un'installazione attiva dal 14 novembre che riproduce uno scenario post apocalittico nello spazio di piazza del Ferrarese.

'L'abbraccio' tra le arti è garantito anche dal Cu.Bo.Fest, acronimo di 'cultural boxes', che il 17 novembre porterà all'AncheCinema del rione Libertà i gruppi Remix The Cinema, Niagara e Populous per una serata all'insegna della musica e della sperimentazione visiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento