Cultura Lungomare Imperatore Augusto

World Press Photo al Margherita, 150 scatti per osservare il Mondo

Giunge a Bari la mostra fotografica internazionale a cui ogni anno partecipano migliaia di fotoreporter. Ad organizzarla l'associazione Cime, che rilancia: "Il nostro obiettivo è partire da questo evento per cercare di realizzare un Photo Festival nel 2015"

“Signal” di John Stanmeyer, World Press Photo of the Year 2013

Sbarca a Bari una delle più importanti mostre fotografiche internazionali. Parliamo del World Press Photo 2014, che aprirà i battenti venerdì 17 e sarà a disposizione dei visitatori  fino a mercoledì  5 novembre presso il teatro Margherita.

Ogni anno tutte le fotografie vincitrici delle diverse categorie (general news, spot news, contemporary issues, daily life, people, nature, sports) sono esposte in una mostra che attraversa 45 Paesi dei 5 continenti con milioni di visitatori. Quest’anno, grazie all’associazione Cime, la mostra sbarcherà anche a Bari

Da 55 anni una giuria indipendente, formata da esperti internazionali, è chiamata ad esprimersi su migliaia di domande di partecipazione inviate da fotogiornalisti, agenzie, quotidiani e riviste alla World Press Photo Foundation di Amsterdam. E’ sempre grande l’attesa di conoscere lo scatto fotografico dell’anno, quello in grado di racchiudere non solo il senso di una notizia ma la rappresentazione semantica di un’epoca storica.

Al centro della mostra ci sarà la foto vincitrice del concorso 2013. Si tratta di “Signal”, fotografia scattata dall’americano John Stanmeyer, che ritrae in piena notte alcuni migranti che alzano i loro telefonini per catturare un segnale dalla vicina Somalia con l’obiettivo di entrare in contatto con i propri familiari. Gibuti è la capitale dell’omonimo Stato posto all’estremità meridionale del Mar Rosso ed è anche un luogo dove i migranti, che provengono dai Paesi confinanti si fermano prima di proseguire il viaggio per l’Europa o il Medio Oriente in cerca di condizioni di vita migliori. Una foto che parla da sola e che in una terra come la Puglia, crocevia di flussi migratori assume un significato particolare.  “Con questa mostra – spiegano gli organizzatori -  l’obiettivo è far crescere l’attenzione sulla fotografia e sulla cultura della fotografia a Bari e in Puglia e contemporaneamente attivare un percorso partecipato che porti alla realizzazione di un Photo Festival nel 2015".

La mostra sarà aperta dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 21. Sabato e domenica si terrà orario continuato dalle 10.30 alle 21. Previsti anche eventi collaterali alla mostra tra cui il workshop “Professione fotoreporter: Paesi ad alto rischio e sicurezza personale” che si terrà venerdì 3 novembre a partire dalle 18.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

World Press Photo al Margherita, 150 scatti per osservare il Mondo

BariToday è in caricamento