Dino Abbrescia racconta sé stesso attraverso lo spettacolo autobiografico, comico, cosmico, tragicomico di 'Raccondino'

  • Dove
    Varie
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 25/01/2019 al 26/01/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

La carriera di un attore si basa sui piccoli e grandi ruoli, ma quello più difficile da interpretare è quello della vita reale”. Sono le parole dell’attore barese Dino Abbrescia che torna il teatro con il suo “Raccondino”, uno spettacolo autobiografico, comico, cosmico, tragicomico e tragicosmico. Lo spettacolo, infatti, nasce dal desiderio di raccontare sé stesso attraverso i propri personaggi. Figure fantastiche incredibilmente premonitrici spesso drammaticamente reali, che si accavallano alla vita personale, che si ancorano al passato e al vissuto.

Scritto e interpretato da Dino Abbrescia, lo spettacolo si avvale della regia di Susy Laude, la direzione artistica di Manuel Bozzi, in visual concept di Olivander, le musiche originali di Alfa Romero e Andrea Guzzoletti e il suono e le luci affidate ad Alessandro Bufalini e Federico Corazzi. Prodotto dall’Associazione Culturale Auroom di Pisa, “Raccondino” è distribuito in Italia da Dario Maretti.

Lo spettacolo sarà in scene in diversi teatri pugliesi a iniziare dal Cineteatro Mangiatordi di Altamura (25 gennaio), al Teatro Polifunzionale Anchecinema di Bari (26 gennaio), al Nuovo Cinema Paradiso di Melendugno (6 febbraio), al Teatro Comunale di Mesagne (7 febbraio) e al Teatro Norba di Conversano (8 febbraio).

I racconti di Dino partono dalla sua Bari, dalla sua infanzia in cui sembra quasi normale condividere la camera da letto con le nonne. La sua famiglia è umile e dura di quell'indurimento tipico di chi deve tirare avanti con dignità, rispetto e sacrificio. Dino cresce tra valori solidi impartiti dal padre poliziotto, un po’ di terrena ambizione, altrettanta impeccabile educazione e sogni.

Sogni di rock’n’roll. Quei sogni sani, belli, romantici che guardano in faccia la sfrontatezza ma anche le difficoltà degli Anni ‘80. Fino alla scoperta della tromba, della musica e del teatro, in veste di tecnico e poi all'improvviso sul palco in sostituzione di un attore impossibilitato a terminare la tournée. Conosceva ogni battuta e si lanciò. E da quella sostituzione non è più sceso dal palco. La vita professionale di Dino si accavalla comicamente a quella tanto lontana del padre. Inizia una lunga carriera da finto poliziotto in serie amatissime come “La Uno bianca”, “Distretto di Polizia” fino a “Squadra Antimafia”.

Un destino beffardo che lo mette alla prova nell'interpretare tutto ciò che ben conosce, che ha vissuto da bambino. I suoi “raccondini” hanno il sapore del passato e attingono a spaccati di vita vera. Ci racconta quando sua madre imponeva al marito poliziotto che rincasava con lo zio, anch'egli poliziotto, di smontare le pistole e riporle in cima a un armadio al rientro dal lavoro. Perché le cene finivano troppo spesso a vino e liti, e le armi era meglio tenerle lontane.

“Raccondino”, quindi, è un susseguirsi di quadri esilaranti, ma anche commoventi e spesso riflessivi. Gli elementi scenici principali sono tre pannelli montati su ruote sui quali verranno proiettati i contenuti media che accompagnano singolarmente ogni “raccondino”. Lo spettacolo inizia con un immancabile riferimento a uno dei personaggi più amati dal pubblico tra i molti interpretati da Dino Abbrescia: Minuicchio del film “LaCapaGira”. Il palco, le luci strobo, la musica techno, i contenuti video originali del film, accompagnano l’ingresso in scena di Minuicchio con il fedele berretto a visiera calcato in testa. Il resto… da vedere in teatro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Hell in the cave', l’Inferno in scena nelle Grotte di Castellana

    • solo domani
    • 26 settembre 2020
    • Grave delle Grotte di Castellana
  • Arene culturali: Gianni Ciardo mattatore indiscusso di quattro piacevoli serate di fine settembre

    • dal 24 al 27 settembre 2020
    • giorni 24 e 25 settembre alle ore 19.00 presso Ortodomingo di Bari e a seguire nei giorni 26 e 27 settembre alle ore 21.00 presso Arena Airiciclotteri
  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • 'Life in color - la mostra d'arte della Contraccademia'

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 30 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi, Bari Vecchia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento