Il Divinae Follie rinasce e diventa 'Df': si riaccendono le luci della discoteca 'simbolo del Sud'

Sabato 22 febbraio il primo party. Il nuovo patron Maggialetti: "Un locale dalla storia importante, vogliamo riportarlo al centro della movida"

Dal Divinae Follie al 'Df': la mitica discoteca di Bisceglie rinasce sotto una nuova veste, e si prepara a riaccendere le luci. La stagione prenderà il via sabato 22 febbraio, data in cui verrà svelata al pubblico la nuova discoteca nata dalle ceneri di una delle strutture più importanti della nightlife italiana.

“Questo è un locale che ha una storia importante - ha affermato il nuovo patron Maggialetti – quindi ricordando i fasti del passato, vogliamo provare a riportarlo al centro della movida non solo del nord barese, ma di tutta la regione”.

Già dal nome della nuova discoteca, si evincono le linee guida che caratterizzeranno la stagione 2020. Considerazione del passato, con una programmazione che riproporrà spesso i grandi nomi degli anni d’oro della discoteca biscegliese; importanza al territorio attraverso la valorizzazione dei talenti locali; attenzione alla qualità musicale evidenziata dall’impianto audio, Meyer Sound, sistemato e rimesso a nuovo. Già in questa prima serata del DF la musica sarà proposta nelle tre sale da ballo, la pista centrale e i due priveè. Grazie a questa disposizione degli ambienti, la proposta sarà particolarmente variegata e si spazierà tra i vari generi più apprezzati. I dj che si alterneranno alle consolle, in questa prima notte, sono tutti ragazzi della provincia e del barese. A loro il compito di far ballare e divertire il pubblico che potrà accedere con invito e un prezzo del biglietto abbastanza “popolare”, 10€ prima della mezzanotte e 15€ a seguire. Spazio anche alle coreografie con vari performer che si susseguiranno nel corso della serata, con spettacoli e singole esibizioni.

“Vogliamo ridare ai giovani la voglia di rifrequentare questa discoteca, offrendo loro un luogo sano e pulito nel quale divertirsi. Ogni sabato proporremo qualcosa di nuovo a livello di scenografie ed effetti. Sarà un locale in continua evoluzione”.

La Gest Maggi srl, il cui amministratore unico è Roberto Maggialetti, navigato imprenditore della notte, a settembre si è aggiudicata, all’asta, tutti i beni mobili e la gestione di tutto il centro turistico sito in via Ponte Lama. In cinque mesi, con il lavoro di numerose figure, nonché grazie all’appoggio morale di amici e concittadini, i lavori sono terminati ed è tutto pronto per l’inaugurazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono felicissimo di aver portato a termine la mia follia. Ma il merito è di tutto il gruppo, che mi ha seguito e si è impegnato in tutti questi mesi. Ora non vediamo l’ora di ospitare tanta gente e divertirci insieme”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento