Per la “La settimana del test”, nella sede Lila di Bari test rapidi e gratuiti per l’Hiv

Dal 18 al 25 novembre si svolgerà in tutta Europa “La settimana del test” una grande mobilitazione per promuovere l’accesso facilitato ai test dell’Hiv e la consapevolezza del proprio stato sierologico tra la popolazione.
La Lila, Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids, anche in vista del World Aids Day del primo dicembre, aderisce all’iniziativa offrendo test rapidi per l’Hiv in forma anonima e gratuita in nove delle proprie sedi: Bari, Cagliari, Catania, Como, Lecce, Milano, Piemonte, Toscana, Trentino. 
A chiunque vorrà accedere al servizio, saranno proposti colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l’Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso “facilitato” ai centri clinici qualora necessario.
La sede LILA di Bari, in collaborazione con i Medici dell’U.O.C. Igiene dell’AOU Policlinico di Bari, dell’ARCI e dell’ARCIGAY di Bari, dal 18 al 25 novembre, offrirà test gratuiti in contemporanea a centinaia di altri enti e associazioni da tutta la regione europea dell'Oms.
La testing week è promossa da “Hiv in Europe”, network composto da enti governativi, operatori sanitari ma soprattutto da realtà della società civile come la Lila. La settimana di iniziative coinvolgerà quasi 500 organizzazioni in oltre 50 paesi. 
I dati di “Hiv in Europe” ci dicono i che, tra i due milioni e mezzo di persone con HIV stimate in tutta l’area europea, almeno una su tre (in Italia, secondo altre stime, una su 4) non è a conoscenza del proprio stato sierologico e che metà delle diagnosi vengono effettuate in ritardo rispetto al momento in cui si è contratto il virus. E’ questo un fenomeno che ritarda anche l’accesso alle cure, ne compromette l’efficacia e pregiudica l’azione di contenimento dell’epidemia.
Unaids, l’agenzia Onu per la lotta all’Aids, indica che, per debellare il virus entro il 2030, sia necessario raggiungere rapidamente la quota di un 90% di persone con Hiv, consapevoli del proprio stato e con accesso alle cure. Al momento siamo ancora lontani da questi standard. Per questo tutte le più importanti agenzie internazionali, Unaids in testa, raccomandano il pieno coinvolgimento di associazioni e community come la Lila. L'iniziativa è una importante occasione per avere accesso al test in modo anonimo e in luoghi diversi dall'ospedale. Scoprire di avere l'Hiv in tempo, permette di curarsi prima e in maniera più efficace, evitando effetti collaterali – come affermano numerosi studi - oltre che di prevenire la trasmissione del virus ad altre persone.
A Bari, le giornate in cui, chiunque vorrà, potrà effettuare il test a risposta rapida in maniera anonima e gratuita, saranno le seguenti:
21 — 23 — 25 NOVEMBRE 2016
dalle 17.30 alle 19.30
presso ARCI CASAPERTA – Piazza San Pietro 22 — BARI

 
Per informazioni – CAMA LILA Via Castromediano 66 – Bari  (0805563269)
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Ad Alberobello la 17^ edizione del trofeo "Eracle - Memorial Vito Palmisano"

    • solo domani
    • 7 marzo 2021
  • Un accessorio fucsia esposto sul balcone: la manifestazione della lotta intersezionale a ogni forma di violenza

    • solo domani
    • 7 marzo 2021
    • Lungomare Largo Giannella
  • Giornata internazionale dei diritti delle donne, la fontana di piazza Moro si illumina di fucsia

    • da domani
    • dal 7 al 8 marzo 2021
    • Fontana di Piazza Moro

I più visti

  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Visita guidata a Molfetta: la città fatta di miele

    • solo oggi
    • 6 marzo 2021
    • Centro storico
  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • solo domani
    • 7 marzo 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento