Cinema, letteratura e sociale con “Del racconto, il riscatto” a Bari

L’unico festival pugliese che coniuga cinema, letteratura e sociale, sabato 16 luglio a Bari propone l’appuntamento “Del racconto, il riscatto” (istituto Redentore, ore19.30, ingresso libero). Camorra, esistenze perdute e vite salvate sono i temi che affronteranno l’attore e scrittore napoletano Salvatore Striano, ex detenuto e autore del romanzo “La Tempesta di Sasà” (Chiarelettere), e il regista Alessandro Piva, che presenta “Milionari”, in cui recita lo stesso Striano con Francesco Scianna e Valentina Lodovini. Un film che narra dell’ascesa e poi della caduta di un clan criminale del capoluogo campano, tramite i racconti del boss e dei suoi familiari. Modera la giornalista Guglielmina Logroscino.

LA TEMPESTA DI SASÀ -  «Grazie a Shakespeare e ad Ariel ho cominciato a capire la mia vita e a leggerla in modo diverso rispetto a prima», perché «Shakespeare è così, ti interroga, ti schiaffeggia, ti mette davanti al mondo colpendolo con una luce che non puoi ignorare. E quasi ti perseguita, con la sua ansia di farti capire». Lo scrive Salvatore Striano nel suo libro intenso, drammatico, duro e tuttavia felice, che ricostruisce i lunghi anni di carcere, quelli in cui ha fatto il suo apprendistato di attore fino, riacquistata la libertà, al successo di Gomorra e alla consacrazione del 2012 nel film Cesare deve morire dei Taviani, Orso d’oro a Berlino (ambientato a Rebibbia e tratto dal Giulio Cesare). 

La tempesta di Sasà (Chiarelettere) narra gli anni nel carcere romano, dal 2001 al 2006, dopo l’arresto per narcotraffico in Spagna. Qui, recitando nel dramma shakespeariano tradotto in napoletano di Eduardo De Filippo, Striano fece attraverso i secoli l’incontro che gli avrebbe «salvato la vita».

MILIONARI - Tra verità e finzione, tra cronaca nera e spettacolo, Milionari, quarto film di Alessandro Piva – che ha esordito nel ’99 conLa CapaGira – riprende un libro del pubblico ministero Luigi Alberto Cannavale e del giornalista Giacomo Gensini che porta lo stesso titolo. E che ridisegna i tratti del “sistema di Secondigliano” con la nascita e l’ascesa del boss camorristico Paolo Di Lauro, il dilagare del clan e delle sue malefatte, la vicenda personale di Marcello Cavani detto Alendelòn (Francesco Scianna),  figura-pilota e punto di visione prospettica del racconto. La storia si sviluppa interamente in flashback, partendo dagli anni Settanta e concludendosi una trentina d’anni dopo. Francesco Scianna alla figura di Alendelòn-Cavani è sospeso tra la ferocia dettata dagli eventi e una sorta di vocazione al reflusso legata al desiderio di normalizzare la propria vita famigliare. Accanto a lui, Valentina Ludovini nelle vesti della moglie Rosaria e Salvatore Striano come ‘O Piragna.

Info 342.662.41.10

Ingresso libero con contributo volontario in favore dei progetti sociali della cooperativa sociale I bambini di Truffaut

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • XX Stagione dell’EurOrchestra da Camera di Bari: tutti i concerti in streaming

    • dal 4 marzo al 10 giugno 2021
    • https://www.lagazzettameridionaletv.com sulla pagina Facebook dell’EurOrchestra e sul gruppo Facebook Eurorchestra da Camera di Bari
  • Mannarino in concerto al PalaFlorio di Bari

    • 27 aprile 2021
    • Palaflorio
  • “Dalla Dad alla Ddi: 5 idee per la scuola”: il liceo Bianchi Dottula di Bari avvia un percorso di formazione online per docenti

    • Gratis
    • dal 30 marzo al 3 maggio 2021
    • Liceo "G. Bianchi Dottula" di Bari (videoconferenza online)
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento