Rassegna “Biopic”: al Cineporto di Bari, l’ultimo appuntamento dedicato a “Frida”

  • Dove
    Cineporto di Bari
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 28/05/2015 al 28/05/2015
    Ore 20.30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Ultimo appuntamento giovedi 28 maggio dalle 20.30 con la rassegna “Biopic – cinema d'arte” al Cineporto di Bari dedicato a una delle piu grandi pittrici del novecento.

“Frida” di Julie Taymor, la storia di un’icona messicana, ma anche di una donna che ha usato l’arte per raccontare se stessa in una rivoluzione che ne comprende almeno tre: politica, artistica e sessuale. Ad accompagnare la proiezione il critico d’arte Ludovico Pratesi. Ingresso libero.

Se il termine resilienza necessitasse di un esempio palpitante di vita, uno dei possibili nomi sarebbe Frida Kahlo divenuta simbolo di un Messico ricco di fervore politico e dal livello artistico straordinario.

“Frida” (2002), la versione per il grande schermo di Julie Taymor è l’ultimo appuntamento della rassegna Biopic – Cinema d’Arte (realizzata con il sostegno di Apulia Film Commission) al Cineporto di Bari il prossimo giovedì 28 maggio alle 20.30. La proiezione, oltre la consueta presentazione a cura di Alessandro De Luisi, presidente dell’associazione promotrice PugliArte e del critico d’arte Ludovico Pratesi, sarà preceduta da una breve performance tratta dalla pièce “Effe. Luna. Frammenti di Frida” di e con Maria Elena Germinario. Ingresso gratuito (fino a esaurimento posti).

Il film, adattamento dal libroA Biography of Frida Kahlo” di Hayden Herrera, si è aggiudicato ben quattordici premi, tra cui due Oscar (Miglior trucco e Miglior colonna sonora originale) oltre le diverse nomination, tra cui spicca quella ai Golden Globe per l’attrice protagonista Salma Hayek, che ha realizzato personalmente alcune riproduzioni dei dipinti utilizzati durante le riprese.

Fortemente voluto dalla stessa Hayek alla cui idea ha lavorato svariati anni come conferma la regista in una intervista all’epoca dell’uscita del film: “Se Frida esiste lo devo a Salma Hayek e al modo con cui ha saputo raccontarmi chi fosse e cosa significasse per la sua cultura. La prima volta che è venuta a trovami è rimasta a parlarne per oltre due ore. Il suo tono mescolava la passione alla commozione, e non riuscivo a credere che questa attrice di successo avesse dedicato sei anni della sua vita per vedere realizzato un film in cui credeva”. 

Nell’hollywoodiano cast che annovera Alfred Molina nei panni del “due volte marito” Diego Rivera, Geoffrey Rush interprete dell’esule e poi amante di Frida Leon Trotskij, Antonio Banderas, Edward Norton, Ashley Judd per il volto dell’amica e fotografa Tina Modotti, anche l’italianissima Valeria Golino.

Sulla pellicola la critica si è molto divisa, chi salvando solo qualche sequenza come quella di animazione realizzata dai fratelli Quay, chi l’interpretazione della protagonista. Certamente nel tentativo di semplificare un mito a misura di schermo, ancorché grande, occorre scegliere e sacrificare. La Taymor piega verso due percorsi: il sentimento, totalizzante eppure fedifrago tra Frida e suo marito, mai pago di nuove altalene amorose, e la sofferenza fisica, esito di un corpo lacerato che si riversa come un atto poetico negli autoritratti, ristretti in dimensioni spesso piccole quasi a desiderarne l’annientamento e che invece per contro diventa espressione di un talento urlato e imperituro.

Bio

Julie Taymor, statunitense, dopo gli studi inizia a lavorare in teatro. La prima regia teatrale risale al 1992 con “Edipo re” di Igor Stravinskij; in seguito porta in scena “Il flauto magico” e “The King Lion”, adattamento in musical il disneyano “Il re leone”, per il quale riceve molti riconoscimenti tra cui due Tony Awards.

Dopo una serie di regie televisive, il debutto cinematografico è l'adattamento del “Tito Andronico” di William Shakespeare (che aveva già rappresentato a teatro), intitolato Titus, con Anthony Hopkins e Jessica Lange. Dopo Frida (2002) nel 2007 realizza “Across the Universe”, visionaria opera rock basata sui celebri brani dei Beatles, che vede come protagonisti Jim Sturgess ed Evan Rachel Wood. L'ultimo lavoro cinematografico “The Tempest”, ispirato all'opera shakespeariana, ha tra gli interpreti Helen Mirren; è stato presentato come film di chiusura al Festival di Venezia 2010.

Ospiti

Curatore e critico d'arte. Direttore artistico del Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro e Direttore della Fondazione Guastalla per l'arte contemporanea.

Dal 2009 al 2011 è stato curatore scientifico di palazzo Fabroni di Pistoia.

Dal 2006 al 2010 è stato Presidente dell’AICA.

Vice presidente dell'AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiana).

Critico del quotidiano La Repubblica.

Info: www.pugliarte.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tutti appuntamenti molto interessanti, da non perdere!! :-D

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Itinerario 'Bari sotto la città'

    • 28 febbraio 2021
    • Centro storico
  • Itinerario 'Bari e il mare'

    • 27 febbraio 2021
    • Lungomare
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • 28 febbraio 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Conversano: tra archi e torri

    • 28 febbraio 2021
    • Centro Storico
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento