Visite guidate a Molfetta e Giovinazzo per la prima edizione delle Giornate Fai all'aperto 2020

  • Dove
    varie
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 27/06/2020 al 28/06/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Parchi e giardini storici monumentali, riserve naturali e orti botanici, boschi, foreste e campagne, alberi millenari e piante bizzarre, sentieri immersi nella natura e passeggiate nel verde urbano, giardini pubblici da riscoprire e giardini privati segreti che si svelano al pubblico, da una sequoia gigante sopravvissuta al disastro del Vajont nel 1963 fino al semenzaio che ogni anno produce il verde urbano della città di Roma: sono solo alcuni dei luoghi che si potranno visitare in questa edizione speciale delle Giornate FAI, che assume un’inedita veste “all’aperto”, sabato 27 e domenica 28 giugno 2020 in oltre 200 luoghi in più di 150 località d’Italia, su prenotazione e nel rispetto delle norme di sicurezza, grazie all’infaticabile spinta organizzativa dei gruppi di volontari delle delegazioni FAI sparsi in tutto il Paese. Un’iniziativa per risvegliare la curiosità e l’intelligenza dinnanzi a ciò che ci circonda, per interrogarci – come scrive Goethe – su ciò che abitualmente vediamo ma non conosciamo se non in superficie, e che vedrà protagonisti anche tutti i Beni del FAI – Fondo Ambiente Italiano, per l’occasione anch’essi concentrati su proposte “all’aperto” declinate sul patrimonio verde. Infine, durante le Giornate FAI all’aperto verranno svelati per la prima volta al pubblico, a pochi mesi dall’accordo tra il FAI e la Fondazione Museo di Palazzo Moroni, gli imponenti Giardini di Palazzo Moroni a Bergamo, oltre quattro ettari di verde tra le mura della Città Alta: l’omaggio del FAI alla città che ha drammaticamente sofferto l’emergenza sanitaria e che necessita di ritrovare il benessere e la bellezza che solo la natura può offrire.

Si segnalano le visite organizzate dal Gruppo FAI di Giovinazzo:

Sabato 27 giugno a partire da Torre Rufolo (strada provinciale Giovinazzo Terlizzi) è stato organizzato un cammino di 5 ore tra le architetture rurali del contado di Giovinazzo. Tre gruppi con massimo 15 persone. Gli orari di partenza: primo turno ore 8.00, secondo turno ore 8.15, terzo turno ore 9.00.

Il percorso ad anello, con partenza e arrivo dal Casale Rufolo, si sviluppa intorno a quattro itinerari narrativi a seconda dei contesti rurali da attraversare e dei beni e manufatti rurali presenti. Il primo tratto, lungo l’antica vicinale in località “Piscina a Titti”, si sviluppa intorno al tema dell’acqua e dei manufatti in pietra legati alla gestione tradizionale della risorsa idrica. Il secondo tratto con la “Lama Castello”, permette di osservare il paesaggio carsico dei solchi erosivi. Il terzo tratto, data la condizione morfologica del terreno, ha una valenza panoramica con lo skyline di Giovinazzo e il mare. Infine l’ultimo tratto, a partire dalla Chiesa di San Basilio, è legato al tradizionale percorso di fede con le chiese rurali (Chiesa-Torre del Padre Eterno, della Cappella Votiva di Santa Maria di Corsignano e di Santa Lucia) tradizionali luoghi di pellegrinaggio dei giovinazzesi. Il percorso è piano, di difficoltà media, di 11 km e della durata di circa 5 ore. Accompagnano i volontari FAI: Michele Camporeale, Luigi Guastamacchia, Domenico Carbonara, Simone Bilanzuolo, Nicola Sarcina, Pina Colia e Bibi Mastroviti.

Domenica 28 giugno, invece, i volontari di Molfetta, in collaborazione con  il Centro Studi e Didattica Ambientale Terrae e Centro Educazione Ambientale Ophrys, propongono un cammino di un’oretta alla scoperta di Lama Martina. Partenza da Via Vecchia Bitonto - Ponte Schivazappa (vicinanze Viale della Libertà) Molfetta. Due turni di visita, con gruppi massimo di 15 persone. Orari visite: mattina ore 9.30 - 11.00; pomeriggio ore 17.00 - 18.15.

La recente istituzione del Parco Naturale di Lama Martina ha non solo il pregio di tutelare l'ambiente in funzione dei suoi aspetti naturali, paesaggistici, antropologici e storici, ma anche di restituire alla collettività molfettese un pezzo della sua cultura. Attraverso percorsi ciclopedonali e di orienteering si possono cogliere non solo i segni di una antropizzazione sostenibile, ormai dimenticata, come pagliai, muretti a secco ed opere di ingegneria idraulica, ma anche la sopravvivenza di specie botaniche di elevato pregio naturalistico, quali orchidee selvatiche, carrubi secolari, lecci e roverelle.

Questa nuova edizione delle Giornate FAI si carica di un significato speciale ed emblematico: il momento storico che stiamo vivendo ha imposto a tutta la collettività di riorganizzarsi e reinventarsi, e il FAI è pronto per tornare a offrire al pubblico una ricca e intensa esperienza di visita, nel rispetto della massima sicurezza per tutti, cogliendo l’occasione per mettere al centro della propria proposta il patrimonio “verde” all’aperto di natura, ambiente e paesaggio del nostro Paese. Il FAI persegue dalla nascita l’obiettivo di riavvicinare gli italiani alla natura e al paesaggio, per riscoprire e coltivare una "cultura della natura” e per favorire la conoscenza del patrimonio verde dell’Italia, a cominciare dai suoi Beni. La nostra missione si basa sul principio che “si protegge ciò che si ama e si ama ciò che si conosce”: comprendere la natura, dunque, si rivela il modo per educarci a “proteggerla”. Oggi per un italiano sembra più facile riconoscere un monumento o una celebre opera d’arte che non le specie degli alberi intorno a noi, ma entrambe sono conoscenze fondamentali per un uomo colto e per un cittadino responsabile che abbia a cuore la tutela dell’immenso patrimonio italiano di arte e natura. Ecco perché il FAI dalla crisi generata dalla pandemia ha cercato di cogliere un’opportunità e per la prima volta, dopo 35 edizioni di Giornate FAI, presenta un programma di aperture interamente dedicato al rapporto tra Cultura e Natura, coinvolgendo i Beni e i territori in cui operano, nell’ambito della missione del FAI, le sue Delegazioni. Sarà sorprendente guardare l’Italia con occhi nuovi, e scoprire tutte le sue molteplici sfumature di “verde”.

Prendere parte alle Giornate FAI è anche un modo per partecipare alla missione di cura e tutela del patrimonio culturale italiano della Fondazione, che negli oltre due mesi e mezzo di chiusura ha interrotto tutte le attività, dalle visite nei Beni ai cantieri di restauro, agli eventi nazionali. Ora il FAI è ripartito, per questo, oltre al contributo minimo – 3 euro per chi è già iscritto al FAI, 5 euro per i non iscritti - richiesto all’atto della prenotazione online, tutti i visitatori potranno iscriversi al FAI con le quote agevolate (riduzione di 10 euro) presso tutti i luoghi aperti e i Beni della Fondazione.

PRENOTAZIONE ONLINE OBBLIGATORIA

entro e non oltre Venerdì 26 giugno alle ore 15 sul sito

WWW.GIORNATEFAI.IT

- fino a esaurimento posti -

Per partecipare alle Giornate FAI all’aperto sarà richiesto un contributo per il FAI.

Tutti i fondi raccolti saranno destinati alle attività istituzionali della Fondazione.

La raccolta contributi avverrà prima dell’evento all’atto di prenotazione con la richiesta di un contributo per il FAI minimo (tramite carta di credito e paypal), per iscritti FAI a partire da 3€, per non iscritti a partire da 5€.

medici, infermieri e personale sanitario

Il FAI ringrazia tutto il personale sanitario per il coraggioso impegno profuso nel corso dell’emergenza Covid-19 regalando l’iscrizione ordinaria da effettuarsi durante gli eventi nazionali o presso i Beni della Fondazione

MODALITÀ DI VISITA IN SICUREZZA

Nel rispetto delle normative, il FAI ha adottato misure che permettano al pubblico di partecipare all’evento nella massima sicurezza. Le visite si svolgeranno solo su prenotazione in determinati turni, a gruppi ristretti. Una volta prenotato il turno di visita, i partecipanti riceveranno una mail con le indicazioni sulle modalità di accesso e le norme da rispettare: oltre all’obbligo di presa visione dell’informativa sulla sicurezza, si ricorda l’obbligo di indossare la mascherina durante la visita, di mantenere il distanziamento sociale di 1,5 metri, di disinfettare le mani con gli appositi gel situati all’ingresso del percorso e di attenersi in generale alle indicazioni date dal personale e dai volontari, seguendo le informative poste all’inizio del percorso. Si chiede di rinunciare alla visita qualora, nei 14 giorni antecedenti, la persona abbia avuto una temperatura corporea superiore ai 37,5°, e/o abbia presentato qualsiasi sintomo influenzale, e/o abbia avuto contatti con persone risultate positive al COVID -19. Il FAI, nell’ambito dei protocolli di sicurezza adottati per la prevenzione dal contagio da Covid – 19, si riserva inoltre la facoltà di rilevare all’ingresso la temperatura dei visitatori tramite appositi dispositivi.

Visite a contributo minimo - da 3 o 5 euro - con prenotazione online obbligatoria

su www.giornatefai.it (da consultare anche per eventuali modifiche di programmazione) fino a esaurimento posti ed entro venerdì 26 giugno alle ore 15.

Il numero di ingressi per visita è limitato e previsto in gruppi ristretti per rispettare le normative di sicurezza

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Doppio appuntamento in streaming con l'Orchestra sinfonica metropolitana per il 'Mese della memoria'

    • dal 23 al 27 gennaio 2021
    • dal palco del Teatroteam di Bari
  • Spettacolo online 'Il re che aveva paura del buio'

    • solo oggi
    • 24 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom
  • 'Auschwitz oggi', speciale "Giornata della Memoria" dell'Abeliano

    • da domani
    • dal 25 al 27 gennaio 2021
    • profilo Facebook del Teatro Abeliano e RadioPopizz e il canale 881 del digitale terrestre
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento