"Illuminiamo la tradizione", il docufilm entra nella Camera dei Deputati

Presentato a Roma, a Montecitorio, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, il documentario "Illuminiamo la tradizione", ( We Light The Tradition ) realizzato dall'Associazione Oll Muvi di Molfetta, conosciuta con il logo “I Love Molfetta”, immagini girate tra Hoboken NJ e Puglia a Molfetta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

La Madonna dei Martiri "entra" nella Camera dei Deputati, a Roma, per raccontare l'emigrazione del dopoguerra, da Molfetta agli States, sotto una luce diversa. Presentato a Roma, a Montecitorio, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, il documentario "Illuminiamo la tradizione", ( We Light The Tradition ) realizzato dall'Associazione Oll Muvi di Molfetta, conosciuta con il logo “I Love Molfetta”. Il film documenta il rapporto quasi centenario che unisce Molfetta alle sue comunità di emigrati nel mondo specialmente, come sottolineato dall' On. Fucsia Nissoli Fitzgerald, eletta nella Circoscrizione Estero ripartizione Nord e Centro America, che ha ospitato l'incontro, “promuove l’Italia per ritrovare l’Italia” in un rapporto di ricordi ma soprattutto di legami con la propria terra d’origine. Fa parte di un progetto omonimo realizzato con il contributo della Regione Puglia - Pugliesi nel Mondo, del Comune di Molfetta, del quotidiano America Oggi, di aziende private e di molti altri piccoli sostenitori intervenuti grazie al crowdfunding. In 52 minuti, racconta il viaggio delle luminarie realizzate in Puglia e trasportate negli States per illuminare le strade di Hoboken in occasione della festa dedicata alla Madonna dei Martiri organizzata dalla comunità molfettese di Hoboken (NJ, Stati Uniti). E donate ai molfettesi d'America della Società Madonna dei Martiri dall'associazione Oll Muvi e dai suoi compagni di viaggio. In qualche modo racconta il viaggio, la storia dei molfettesi d'America che, pur lontani da casa, pur perfettamente integrati nel nuovo mondo, non si sono dimenticati delle loro origini. «Sottolineo e ringrazio – ha evidenziato l’Onorevole Fucsia Nissoli Fitzgerald - il valore immenso che hanno tutti i componenti della Società Madonna dei Martiri di Hoboken, nel New Jersey, a continuare le tradizioni molfettesi, per raggiungere il centenario della festa che unisce le due comunità». «Il documentario valorizza la tradizione dei molfettesi nel Nord America – ha ricordato il presidente di Oll Muvi Roberto Pansini – ed il riscontro ottenuto con i premi ricevuti, sottolinea come le radici, le tradizioni sono il legame che unisce i popoli». La regia del documentario, realizzata da Riccardo Marino, della Serious Production con sede a Roma. Marino, intervenuto alla presentazione, ha illustrato come l’emozione di chi vive oltre oceano per il tricolore ha facilitato la realizzazione perche’ «la semplicita’ del cuore e’ trasmessa nelle immagini. In un anno e mezzo di lavoro, con due viaggi negli States e diversi in Puglia, raccontare non solo i successi ma anche le tante difficoltà da superare per raggiungere l'obiettivo finale, non è stato facile, ma spesso mi sono emozionato e per assurdo nel New Jersey con gli emigranti mi sono sentito parte della loro famiglia, pur non essendo molfettese». Con la visone del trailer del docufilm in sala, i presenti hanno potuto viaggiare al di là dell'Oceano, increduli perchè sembrava di essere a Molfetta, i volti delle persone hanno trasmesso quanta devozione e gioia c'è nell'organizzazre qualcosa di così grande e di prestigio nella grande terra americana. Nel corso dell'incontro, moderato dal giornalista Carlo Sacco, Roberto Pansini e l’On. Fucsia Nissoli hanno ricordato il sostegno offerto da Mons. Giuseppe de Candia, da diversi anni nell'ufficio Migrantes della Diocesi, curatore di due libri presentati, nel corso dell'incontro, "Il primo volo" dedicato ai 90 anni dell' Hoboken Italian Festival the feast of the Madonna dei Martiri, e alla visita pastorale del Vescovo S.E. Domenico Cornacchia alla comunità dei molfettesi nel Nord America e "Vita di un emigrante" diario di racconti, di viaggi, di difficoltà e di successi scritti con la mano di un ottantenne attraverso email, il protagonista è Franco Tammacco che, vive negli USA, ma ha girato il mondo tra Venezuela e Italia, portando sempre con se il valore della famiglia. Nel corso della presentazione sono state donate alle rappresentanze intervenute, creazioni in ceramica “Le Angeliche” realizzate a mano dall’artista salentino Agostino Branca.

Torna su
BariToday è in caricamento