Gianrico Carofiglio al Teatro Radar di Monopoli con ‘La manomissione delle parole’

  • Dove
    Teatro Radar
    Via Magenta, 71
    Monopoli
  • Quando
    Dal 23/11/2019 al 24/11/2019
    21.00
  • Prezzo
    Per info: 335 756 47 88. Il botteghino è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19.30. Nel comunicato sono presenti i dettagli del bottegh
  • Altre Informazioni

Un’indagine letteraria e politica a partire dall’elemento più essenziale della lingua: la parola. Trasformata, smontata e rimontata da Gianrico Carofiglio nel terzo appuntamento della stagione di prosa 2019/2020 del Teatro Radar di Monopoli, curata da Teresa Ludovico. In scena sabato 23 e domenica 24 novembre alle ore 21 La manomissione delle parole, produzione Teatri di Bari, dove è protagonista l’abilità oratoria di Gianrico Carofiglio, che ‘pesca’ citazioni di personaggi famosi appartenenti ai contesti più disparati. Un appuntamento imperdibile per lo spazio culturale riaperto nel 2018 a Monopoli dopo decenni di inattività, che per il secondo anno consecutivo vede la stagione di prosa curata da Teatri di Bari.

Lo spettacolo

La manomissione delle parole è una riflessione sull’uso dei termini, sulla loro funzione, sul valore che essi hanno nella costruzione delle storie di ciascuno di noi, tanto da essere pilastri della nostra vita etica e civile. Fondamenta che sempre più spesso vengono logorate dall’abuso e dalla manipolazione dei significati.

Come si fa a ridar loro la dignità che meritano? Per Carofiglio l’unico metodo è manometterli, cioè smontarli e rimontarli nel loro verso originario. L’autore costruisce un’indagine letteraria politica e giudiziaria a partire da alcune citazioni di personaggi diversissimi tra loro, da Aristotele a Cicerone, da Dante a Primo Levi, da Calvino a Nadine Gordimer, da Obama a Bob Dylan. L’importanza delle parole, delle parole al potere, è al centro del testo di Carofiglio che ci ricorda che dire è fare. Una performance che mette in gioco l’abilità oratoria di Gianrico Carofiglio in costante dialogo con la versatilità espressiva del fagotto, considerato lo strumento più vicino alla voce umana.

L’autore-interprete intercetta brani tratti dal libro a improvvisazioni tematiche in una partitura guida e lieve, tesa a coinvolgere gli spettatori. La luce disegna uno spazio scenico in costante relazione con la drammaturgia.

Per info: 335 756 47 88. Il botteghino è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19.30. Nel comunicato sono presenti i dettagli del botteghino.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Dai teatri di Putignano e Corato appuntamento con 'Indovina chi viene a (s)cena'

    • oggi e domani
    • dal 22 al 23 gennaio 2021
    • online
  • Spettacolo online 'Il re che aveva paura del buio'

    • 24 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom
  • 'On, off e il mistero della torta scomparsa'

    • 31 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom

I più visti

  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Dai teatri di Putignano e Corato appuntamento con 'Indovina chi viene a (s)cena'

    • da domani
    • dal 22 al 23 gennaio 2021
    • online
  • Incontro online 'I paesaggi rurali del Salento. Quale futuro?

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 gennaio 2021
    • Zoom
  • Spettacolo online 'Il re che aveva paura del buio'

    • 24 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento