A Gioia derl colle un omaggio a Giovanni Testori e Luchino Visconti con 'La purezza e il compromesso'

Venerdì 14 febbraio a partire dalle ore 19:00 presso il Teatro Comunale Rossini di Gioia del Colle andrà in scena La purezza e il compromesso – Omaggio a Giovanni Testori e Luchino Visconti, secondo appuntamento di Next - laboratorio di idee per la produzione e distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo – edizione 2019/2020 realizzato da Regione Lombardia e AGIS lombarda in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, che porta in Puglia una selezione di spettacoli della nuova scena lombarda.
Scrittura scenica e regia di Paolo Trotti, lo spettacolo proposto dalla compagnia Teatro Linguaggicreativi vedrà in scena Stefano Annoni, Diego Paul Galtieri, Margherita Varricchio e Michele Costabile, aiuto regia Fiammetta Perugi, scene e costumi Francesca Biffi, con il sostegno del Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello - CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro).

Prima dello spettacolo avremo modo di incontrare la prof.ssa Esther Celiberti per un approfondimento sullo spettacolo in scena e in particolare sulle figure di Giovanni Testori e Luchino Visconti. Seguirà un aperitivo con la Compagnia offerto da Ladisa Spa.

Note sullo spettacolo:

L’universo di Giovanni Testori incontra l’immaginario cinematografico di Luchino Visconti e diventa ispirazione per una storia nuova. Gli stessi personaggi che nelle loro opere abitavano la Milano del ‘59 sono qui protagonisti di una qualunque metropoli occidentale dei giorni nostri. I quattro attori danno vita a personaggi che vivono ai margini della città: uomini e donne, disperati, immigrati, prostitute, omosessuali, sportivi, operai, ognuno alla ricerca di una via d’uscita in grado di cambiare la propria esistenza. La speranza di arricchirsi attraverso la boxe e lo scontro tra fratelli a causa di una donna sono raccontati con disincanto in un dramma intenso, in cui passioni antiche e problemi moderni sono condotti a unità. La purezza ed il compromesso tratta il tema dell’addio. Addio al paese/nazione di provenienza; addio alla possibilità di vivere un amore; addio alla famiglia. Una concatenazione di separazioni e addii che partono dal bisogno di rimanere uniti. La madre dà il via a tutta la vicenda; Il femminile con la sua necessità di generare e preservare la vita, con il coraggio di lasciare una terra e il desiderio di vedere i figli rivalersi sulla povertà: la povertà e il desiderio di rivalsa su di essa, il fare di tutto per cambiare posizione sociale, anche farsi spaccare la faccia su un ring. È la rivincita contro il destino tanto sperata che non arriverà mai. Lo spettacolo parte dalla centralità del corpo come unico bene di valore/scambio/vendita che possiedono gli emigranti, i viaggiatori per necessità, i fuggiaschi. Una riflessione sul corpo come strumento di scambio, come strumento sonoro e come contenitore di qualcosa di molto fragile: l’essenza dell’essere e dichiararsi umani nonostante tutto e tutti. Dopo La nebbiosa di Pier Paolo Pasolini e I ragazzi del massacro di Giorgio Scerbanenco, con La purezza e il compromesso Paolo Trotti continua il viaggio attraverso gli autori che hanno raccontato la città ed i suoi mutamenti.


Note di drammaturgia e regia:

Nella costruzione dello spettacolo siamo partiti dagli eventi presenti in una delle prime scritture della sceneggiatura di Visconti, poi non girati, accaduti in Lucania: la morte sul lavoro del padre, la piaga del caporalato e la decisione della madre, a fronte di troppa miseria, di raggiungere il figlio maggiore già emigrato al nord. Ci siamo quindi trovati davanti ad un materiale aperto e capace di parlarci del nostro presente senza alcun tipo di retorica, che abbiamo trasformato in fatto e azione teatrale. Il motore attivo è la fuga, la necessità di compiere un viaggio, la ricerca di riscatto, di un approdo/meta/rifugio verso un luogo capace di contenere tanti corpi e tante voci diverse. Tanti suoni quanti sono quelli delle lingue parlate e dei colpi ricevuti e dati dai corpi nella foga della sopravvivenza. La purezza e il compromesso è una riflessione sull’emigrazione, sui territori lasciati svuotati, in balia dei potentati mafiosi - ogni genere di mafia, non necessariamente quella italiana-, sulle speranze e sull’accoglienza; temi che sono parte dei corsi e ricorsi storici di cui sono piene le fosse. Milano è l’Italia dei migranti dei nostri giorni che fuggono da guerre e schiavitù. Milano è solo un nome di una delle tante città europee in cui chi fugge spera di rifarsi una vita. E l’accoglienza riservata alla famiglia di Rocco è la stessa di quella riservata ai migranti oggi. La madre dà il via a tutta la vicenda; il femminile con la sua necessità di generare e preservare la vita, ed è qui che Visconti incontra Testori: la povertà e il desiderio di rivalsa su di essa, il fare di tutto per cambiare posizione sociale, anche farsi spaccare la faccia su un ring o farsi ingravidare dal ricco figlio di un industriale. È la rivincita contro il destino tanto sperata, ma che non arriverà mai. Il contesto in cui si muovono i cinque attori è quello delle periferie di fine anni 50; periferie tutte uguali nell’Italia post bellica; uomini e donne disperati, semplici, immigrati, prostitute, omosessuali, sportivi, che cercano una via d’uscita, la spaccata in grado di cambiare la loro vita, e nello stesso tempo, sono la classe operaia, sono gli inquilini dell’edilizia popolare, sono i figli di un’altra terra, approdati nella grande città attirati dalla possibilità di lavoro. Nel 1959 come oggi.


INFO E BOTTEGHINO:

Posto Unico: Intero 5 euro / Ridotto 4 euro

I biglietti sono in vendita presso il botteghino del Teatro Rossini il martedì dalle 10 alle 12, giovedì e sabato dalle 18 alle 20 e sul circuito Vivaticket.
080. 3484453
teatrorossinigioia@gmail.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Hell in the cave', l’Inferno in scena nelle Grotte di Castellana

    • 26 settembre 2020
    • Grave delle Grotte di Castellana
  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • 'Life in color - la mostra d'arte della Contraccademia'

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 30 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi, Bari Vecchia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento