'Madre nostra', il documentario del giornalista-viaggiatore bitontino Lorenzo Scaraggi arriva al Teatro Traetta

  • Dove
    TEATRO TRAETTA
    Indirizzo non disponibile
    Bitonto
  • Quando
    Dal 15/01/2020 al 15/01/2020
    19
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

L’agricoltura come occasione di riscatto in una terra, la Puglia, troppo spesso mortificata da caporalato, ecomafie e racket. Ancora in questi giorni. È questo il senso di “Madre nostra”, il documentario del giornalista-viaggiatore bitontino Lorenzo Scaraggi - prodotto da Fondazione CON IL SUD e Apulia Film Commission attraverso il Social Film Fund Con il Sud - in proiezione gratuita mercoledì 15 gennaio alle 19 al Teatro Traetta di Bitonto. Scaraggi torna a “casa” e presenta per la prima volta alla sua città l’opera con cui sta girando l’Italia per raccontare storie di redenzione grazie al lavoro nei campi. Un reportage on the road diventato documentario di 52 minuti. Storie che parlano di agricoltura sociale ma anche di contrasto alla mafia, di beni confiscati, di comunità di recupero. Temi drammaticamente attuali visto il rigurgito di violenza di questi giorni nel Foggiano.

L’evento, organizzato con il supporto dell’associazione “Io sono mia”, è realizzato in collaborazione con “Libera” e “Avviso pubblico” e con il sostegno del Comune di Bitonto. All’incontro con Scaraggi parteciperanno il sindaco Michele Abbaticchio, l’imprenditore sociale Angelo Santoro, l’autore delle musiche di “Madre nostra” Alberto Iovene, la giornalista Viviana Minervini e la responsabile di “Io sono mia” Elisabetta Tonon. Dopo la proiezione ci sarà un dibattito sui temi del documentario.

IL DOCUMENTARIO. “Madre nostra” è un reportage on the road diventato documentario di 52 minuti - prodotto da Fondazione CON IL SUD e Apulia Film Commission attraverso il Social Film Fund Con il Sud - in cui il 43enne reporter di Bitonto, in giro per la Puglia con il suo camper Vostok100k del 1982, raccoglie storie e testimonianze di riscatto sociale. Quattro tappe: “Il Trullo sociale” a San Michele Salentino (Brindisi), “Semi di vita” a Bari, “Pietra di scarto” a Cerignola (Foggia) e “Spazio Esse” a Loseto (Bari). Tutte con un filo conduttore: l’agricoltura come via per la redenzione in una terra - quella pugliese - troppo spesso al centro dell’attenzione per piaghe come la xylella, il caporalato, la mafia.

RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE. Il canovaccio ha convinto la giuria dell’Italian Film Festival Cardiff (IFFC) che gli ha assegnato un prestigioso secondo posto nella sezione #CanfodPrize dedicata ai documentari. "Questo documentario porta allo spettatore un messaggio di positività e speranza sull’instancabile opera dei volontari che lavorano nelle terre confiscate alla mafia” si legge nelle motivazioni. E ancora: “Il fotoreporter-regista Lorenzo Scaraggi deve essere elogiato per il suo instancabile viaggio che rivela diverse storie e diverse persone, sogni e possibilità. La gente deve conoscere questa storia piuttosto ignota”.

VERSIONE IN INGLESE E IN LIS. “Madre nostra” è stato condotto, diretto e montato da Lorenzo Scaraggi. Ha una versione in LIS e una sottotitolata in inglese. L’opera è realizzata con risorse del “Patto per la Puglia FSC 2014-2020 - Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali” e cofinanziata da Fondazione CON IL SUD.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Appuntamento con “Indovina chi viene a (s)cena”: a teatro in streaming da casa

    • dal 15 al 17 gennaio 2021
    • streaming
  • Spettacolo online 'Il re che aveva paura del buio'

    • 24 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom

I più visti

  • Appuntamento con la "Festa nazionale del Dialetto" edizione 2021 in modalità streaming

    • 17 gennaio 2021
    • streaming
  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • 'Teatro Delivery', a Terlizzi teatro e musica a domicilio

    • 17 gennaio 2021
  • Per la rassegna 'Arte in vetrina' Nietta Vessia con 'Vele al vento'

    • Gratis
    • dal 1 al 15 gennaio 2021
    • Vetrina Centro d'Arte
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento