Al Fortino Sant’Antonio di Bari la mostra d’arte contemporanea “Giano”

  • Dove
    Fortino Sant'Antonio
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 22/11/2019 al 02/12/2019
    tutti i giorni dalle ore 10 alle 13 e dalle 17 alle 22
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Inaugura venerdì 22 novembre alle ore 18:00 presso il Fortino Sant’Antonio di Bari la mostra d’arte contemporanea “Giano” curata da Sara De Carlo e promossa da Gagliano Arte Editore Mediterranea Tv. Un’esposizione dedicata al lavoro di due fra i più interessanti artisti del panorama contemporaneo: Dario Agrimi e Michele Giangrande.

<<Il mondo va sempre, muovendosi in cerchio e partendo da sé stesso a sé stesso ritorna>> diceva Macrobio parlando del dio Ianus. Proprio come la divinità bicefala e barbuta Giano, protettore dei passaggi e dei mutamenti, Agrimi e Giangrande transitano con le loro opere e le fanno dialogare all’interno di un luogo pregno di storia, il Fortino di Sant’Antonio Abate, punto più alto della città vecchia barese.

I due artisti sono pugliesi, quasi coetanei, entrambi docenti in Accademia e con una carriera internazionale all’attivo. Provengono dallo stesso humus artistico, ma hanno sviluppato la loro ricerca in due direzioni differenti servendosi dei media più disparati: dalla pittura alla scultura, dalla performance al video, dall’installazione alla fotografia. Come il Giano bifronte, Agrimi e Giangrande guardano in due direzioni diverse, nelle loro opere spesso dotate di un’ironia più grottesca nel primo e più sferzante nel secondo.

Dario Agrimi svolge un’indagine quasi maniacale nel suo lavoro votato a demistificare, a mettere in discussione ogni certezza. Si interroga sulla funzione dell’arte, riflette sulle contraddizioni della nostra società, sulla religione, sulla morale. Lo fa attraverso l’iperrealismo delle sue opere spesso dissacranti e pronte a stuzzicare lo spettatore.

Michele Giangrande guarda al primitivo, trae ispirazione dalle proprie origini, intrappolando quell’energia primordiale nelle sue opere. La grande capacità di padroneggiare differenti tecniche artistiche è evidente nella sua produzione che spazia dall’objet-trouvé alla performance, dalle installazioni all’arte relazionale. Giano, dio degli inizi, si reincarna in questo dialogo contemporaneo e invita a fruire delle opere in esposizione.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 22 novembre al 3 dicembre, con ingresso libero, tutti i giorni dalle ore 10 alle 13 e dalle 17 alle 22. Per maggiori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo mail saradecart@gmail.com

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • World Press Photo 2020, nel Teatro Margherita di Bari la 63esima edizione del concorso di fotogiornalismo più prestigioso al mondo

    • dal 1 ottobre al 1 novembre 2020
    • Teatro Margherita
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Nel Castello Svevo di Bari la mostra “Moda al Castello. Collezioni di abiti storici in Puglia”

    • dal 10 ottobre al 2 novembre 2020
    • Castello Svevo di Bari

I più visti

  • World Press Photo 2020, nel Teatro Margherita di Bari la 63esima edizione del concorso di fotogiornalismo più prestigioso al mondo

    • dal 1 ottobre al 1 novembre 2020
    • Teatro Margherita
  • Tommaso Paradiso in concerto a Bari con il suo 'Sulle nuvole tour' - Data spostata

    • 30 ottobre 2020
    • Palaflorio
  • ''Lezioni di Storia, Le opere dell’uomo'', al Petruzzelli di Bari tornano gli appuntamenti con la cultura e i viaggi a ritroso nella storia

    • dal 18 ottobre al 13 dicembre 2020
    • Teatro Petruzzelli
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento