"Natale in casa Cupiello" in scena al Teatro Angioino di Mola di Bari

La Compagnia Teatro d'Oggi, presenta, per la XX Stagione di Prosa 2019/20 del Teatro Angioino in Mola di Bari (Ba), con la direzione artistica di Francesco Capotorto
Sabato 8 febbraio 2020 alle ore 21,00 la Compagnia instabile Napolinscena in “Natale in casa Cupiello” di Eduardo de Filippo con Bettina Calcagno, Francesco D’Andria, Mimmo Macri, Ascanio Cimmino, Simona Lezzi, Antonio Fago, Margherita Buono, Antonio LaGioia, Achille Zizzi. Regia Ascanio Cimmino Scene Luciano Mazzarano.

Quella dei Cupiello è una umile famiglia della Napoli degli anni trenta. Il capofamiglia è Luca “uomo di fiducia” di una tipografia, amante del presepe e della tradizione che esso rappresenta. La sua sposa, Concetta, è una donna pragmatica, dura a volte, ma soprattutto stanca e segnata dall’età e dalle difficoltà. Tommasino è invece il giovane nullafacente che si regge sulle spalle dei due anziani e stanchi genitori e dello zio Pasqualino (fratello di Luca) al quale sottrae, quando può, oggetti e/o denaro. Infine, Ninuccia, la figlia “colta”, che ha studiato e che, soprattutto, ha sposato Nicolino Percuoco, ricco commerciante di bottoni, personaggio adorato e venerato quasi dai due anziani coniugi poiché rappresenta il classico “partito buono” con il quale Ninuccia si è sistemata, ma con il quale è sempre in attrito. Infatti, la giovane donna è innamorata, in realtà, di Vittorio Elia, amico di Tommasino, e per questi vuole lasciare Nicolino.
Tutta la storia si svolge nei pochi giorni che immediatamente precedono e succedono il giorno della vigilia di Natale, quello della santa cena dove, per puro caso, Nicolino e Vittorio, si incontreranno dando vita ad uno scontro che metterà Lucariello di fronte a quella verità che la moglie Concetta gli aveva tenuto volutamente nascoste. “Lucariello” non reggerà e lentamente ma inesorabilmente si spegnerà tra le braccia dei suoi familiari e di tutti i protagonisti della storia accorsi al suo capezzale.
Note di regia
E’ un duro e misero Natale quello di casa Cupiello. E ancor più lo diverrà per le sconsiderate scelte amorose della giovane figlia Ninuccia, sposata al “ricco” commerciante Nicolino Percuoco che tradisce con il giovane Vittorio Elia. Questa delicata situazione renderà i già fragili equilibri di questo nucleo familiare, ancora più instabili e metterà in luce contrasti, frizioni che nella lenta e progressiva quotidianità si trasformeranno in duri momenti di rottura, sino al drammatico epilogo della morte del capofamiglia. Luca Cupiello è forse la figura più fragile e tenera tra quelle raccontate dalla penna di Eduardo. L’amore di quest’uomo per il presepe, ridicolizzato dalla pragmaticità della “stanca” moglie Concetta e dal cinismo del giovane Tommasino, sembra rappresentare un ultimo sottile filo che lega Luca ad un mondo fatto di tradizioni, di gesti, di rispetto della famiglia che l’anziano uomo non riesce più a ritrovare intorno a sè. E quando, infatti, capirà che la figlia Ninuccia ha mandato all’aria il matrimonio con Nicolino – genero più “ammirato” per la sua ricchezza, che realmente amato – Luca capitolerà e sarà la fine.
Naturalmente, quello che non può che definirsi un dramma umano e familiare, attraverso la penna magistrale del grande Eduardo riesce a trasformarsi in un tragicomico racconto condito da esilaranti momenti comici alternati a momenti di drammatica intensità.
Tutto ciò rende questa commedia una pietra miliare della produzione teatrale di Eduardo e un testo che, anche grazie alla tradizionale rappresentazione televisiva natalizia, è entrato nelle case di milioni di spettatori e confermato, qual’ora ve ne fosse stato il bisogno, l’universalità del linguaggio teatrale eduardiano.
La Compagnia Teatro d’Oggi continua a praticare il “ biglietto sospeso” presso il Teatro Angioino di Mola di Bari per gli spettacoli della XX Stagione di Prosa 2019/2020.
L’iniziativa, che prende a prestito la tradizione napoletana del “caffè sospeso”, in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Mola di Bari e, grazie al sostegno di stampa e tv, ha visto crescere la solidarietà, tanto da consentire di pensare di portare avanti questo progetto per i prossimi spettacoli della XX Stagione di Prosa in programma nell’anno 2020.
Rinnoviamo, pertanto, a tutti il nostro invito a donare un’esperienza di divertimento e conoscenza ai giovani appartenenti alle fasce più deboli della nostra comunità e del nostro territorio, affinchè “ nessuno escluso”, si riesca a portare avanti, con l’arte e la cultura un rafforzamento della coesione e integrazione .
Per informazioni e prenotazioni, il botteghino del teatro Angioino in via Silvio Pellico n.7 in Mola di Bari è aperto tutti i venerdì, sabato e domenica dalle ore 18.30 alle ore 20,30 tel.0804713061.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano
  • Online il meglio di Ninni Di Lauro

    • Gratis
    • dal 10 novembre al 10 dicembre 2020
    • web

I più visti

  • ''Lezioni di Storia, Le opere dell’uomo'', al Petruzzelli di Bari tornano gli appuntamenti con la cultura e i viaggi a ritroso nella storia

    • dal 18 ottobre al 13 dicembre 2020
    • Teatro Petruzzelli
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Brunori Sas in concerto al Palaflorio di Bari

    • 5 dicembre 2020
    • Palaflorio
  • VIII edizione ''Alla scoperta di Noja''

    • Gratis
    • dal 5 ottobre al 29 novembre 2020
    • Lama Giotta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento