Al Redentore il reading musicale 'Il pane e le rose' per la rassegna 'Poesia e libertà'

Le parole come sfida, per la conquista della libertà e per sentirsi veramente appagati. Perché per sfamarsi davvero c’è bisogno di poesia. Ed è questo il senso del reading musicale «Il pane e le rose» in programma per il secondo appuntamento della rassegna «Poesia è Libertà» giovedì 10 settembre (ore 21) a Bari, nel Cortile dell’Opera Salesiana Redentore, per iniziativa di Carlo Bruni e Gioacchino De Padova, curatori del ciclo con l’associazione L’amoroso nell’ambito delle Arene Culturali promosse dall’assessorato alle Culture del Comune di Bari. Attraverso i versi di Jorge Luis Borges, Dino Campana, Pier Luigi Cappello, Vincenzo Consolo, Mariangela Gualtieri, Alda Merini, Anne Michaels, Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini, Rainer Maria Rilke, José Saramago e Wislawa Szymborska, l’attrice Nunzia Antonino incontra i delicati intrecci sonori di Francesca Benetti, cantante che si accompagna con la chitarra e la tiorba.

Si narra che tra il 2845 e il 2768 a. C., Sargon, re dei Sumeri, rientrando da una spedizione militare, avesse portato con sé «piante di viti, di fichi ed arbusti di rosa» fino al delta del Tigri e dell’Eufrate. Ma già bassorilievi egizi mostrano fiori dalla forma di rosa, spostando ancora più indietro nel tempo il suo riconoscimento. E non c’è fiore che intrecci ogni campo dello scibile umano quanto la rosa. Stringente e tonica quando è rossa, lassativa e purgativa quando bianca, la rosa profuma e punge, si sgrana in un rosario e ordina i venti in cerchio. Collirio, sonnifero, spettro ed effige, ispira pittori, scrittori e sceglie la poesia come sua prediletta portavoce, interpretando la sintesi controversa dell’amore, capace di fiorire e di appassire, di ammaliare e ferire. Insomma, la rosa e la poesia sembrano nate per essere l’una veicolo dell’altra, anche come strumento d’impegno civile, se è vero che durante uno sciopero inglese dei lavoratori dell'industria tessile di Lawrence nel 1912 la rosa venne associata al pane. Ed è proprio da quest’accostamento che nasce il progetto «Il pane e le rose», un itinerario poetico destinato a sostenere, affinché la vita si possa considerare davvero vissuta, quanto non basti che sia sazio soltanto il corpo.

Prenotazioni al 353.4130148 o info.poesiaeliberta@gmail.com.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 9 al 10 ottobre 2020
    • Palaflorio
  • ''Under Zones'', a Bari due giornate di rock made in Italy

    • da domani
    • dal 17 al 18 settembre 2020
    • Parco Princigalli
  • ''Sentieri armonici'', quattro raffinati concerti di musica antica in Terra di Bari

    • dal 5 al 22 settembre 2020
    • varie

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • Nel centro storico di Bari la mostra d'Arte dell’Apulia Contemporary Art Prize 2020

    • dal 5 al 19 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento