"Il Pranzo di Babette" da Karen Blixen in scena al Teatro van Westerhout di Mola di Bari

È il film preferito di Papa Francesco. Diretto da Gabriel Axel vinse il Premio Oscar nel 1988 e rese celebre anche l’omonimo racconto capolavoro dal quale era tratto, «Il pranzo di Babette» di Karen Blixen, che la Compagnia Diaghilev propone in una trasposizione teatrale di Francesco Niccolini con la regia e l’interpretazione di Paolo Panaro. L’appuntamento è al Teatro van Westerhout di Mola di Bari, dove lo spettacolo andrà in scena dal 18 al 21 e dal 25 al 28 gennaio (ore 21, domeniche ore 20) con le musiche eseguite dal vivo dal baritono Angelo De Leonardis e dalla pianista Debora Del Giudice (prenotazioni 333.1260425).

La riduzione di Niccolini e Panaro punta alla ricerca della purezza cristallina delle emozioni, potenti e livide, create dall'immenso talento della grande scrittrice danese: il miracolo e l’invidia, la paura dei sentimenti, il batticuore, gli anni che passano, le occasioni perdute, i rimpianti. E, sopra ogni cosa, una riflessione sulla generosità dell’arte, che cambia la vita.

Alla fine dell’Ottocento, in un piccolo villaggio della Danimarca, vivono due anziane sorelle, Martina e Philippa. Figlie di un pastore protestante, decano e guida spirituale del posto, dopo la sua morte hanno ereditato la direzione della locale comunità religiosa respingendo le proposte di matrimonio e continuando a vivere una vita semplice e frugale, per aiutare i compaesani in difficoltà.

Un giorno si presenta alla loro porta, stremata, la parigina Babette Hersan. Accolta dalle anziane signorine, si guadagna l'ospitalità facendo da governante e contribuendo all'attività di beneficenza. E le vicende che ne seguono vanno a comporre una storia in una casa di fantasmi. Perché tutto è finito molto tempo fa. Eppure il ricordo è vivissimo, come una fiamma di candela che scalda anche le notti più gelide. Una storia da leggere come un “cupo mal di denti” che l’arte di una donna, venuta da lontano, scioglie miracolosamente. Sullo sfondo, un fiordo norvegese, una comunità religiosa ossessionata dal senso del peccato e dalla penitenza, la fuga precipitosa di tre donne: una dall’amore, la seconda dalla lirica, la terza dalla Comune di Parigi. Tutte, adesso, riunite nella stessa casa, secondo i capricci del destino.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Hell in the cave', l’Inferno in scena nelle Grotte di Castellana

    • solo domani
    • 26 settembre 2020
    • Grave delle Grotte di Castellana
  • Arene culturali: Gianni Ciardo mattatore indiscusso di quattro piacevoli serate di fine settembre

    • dal 24 al 27 settembre 2020
    • giorni 24 e 25 settembre alle ore 19.00 presso Ortodomingo di Bari e a seguire nei giorni 26 e 27 settembre alle ore 21.00 presso Arena Airiciclotteri
  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • 'Life in color - la mostra d'arte della Contraccademia'

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 30 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi, Bari Vecchia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento