'Qual fiamma' che m'accende, Arie del seicento e del settecento attraverso gli occhi dell’ottocento a Palazzo Pesce

Sabato 8 dicembre alle ore 20.30 il salotto di Palazzo Pesce arderà con le note di “Quella fiamma che m’accende” … Arie del Seicento e del Settecento attraverso gli occhi dell’Ottocento …con Margherita Rotondi, mezzosoprano, Marco Bardi all’oboe e Vincenzo Cicchelli al pianoforte.

“Il carattere principale che informò i compositori del Seicento e del Settecento è la schiettezza e semplicità delle forme, il grande affetto e tutto un sapore di serenità soavissima, che ad ogni atto traspare. La musica d’oggi all’opposto è nevrotica, piena di sussulti e di violenti contrasti.” Così scriveva Alessandro Parisotti nel 1885, in aperta polemica con lo stile del Melodramma, quando pubblicò per l’editore Ricordi una raccolta di Canzoni per voce solista con accompagnamento di pianoforte, giunte a noi col nome di Arie Antiche.

Se agli occhi della moderna musicologia le sue trascrizioni continuano ad apparire discutibili, a lui va il merito di aver permesso che questi tesori, il cui fascino è amplificato dalla scoperta di versi censurati e celebri falsi storici, non fossero a torto dimenticati. Quello proposto dall’Associazione I Melodisti vuole essere un vero e proprio album che raccoglie alcune tra le più belle composizioni appartenenti a questo repertorio: nobile elegia, struggimento amoroso e ammiccante spensieratezza non sono che alcuni dei sentimenti in gioco.

Ad intonare queste melodie sarà Margherita Rotondi, mezzosoprano che dopo la specializzazione in Canto Barocco presso il Conservatorio di Ferrara, si è affermata presso il Teatro Petruzzelli di Bari, il Teatro Olimpico di Vicenza, il Teatro Carlo Felice di Genova e a Cracovia, Ginevra e Tokyo. Accanto a lei la voce dell’oboe di Marco Bardi, richiesto dalle Orchestre del Teatro alla Scala di Milano, dell’Accademia Santa Cecilia e del Teatro dell’Opera di Roma, del Teatro San Carlo di Napoli, del Teatro Regio di Torino, del Comunale di Bologna e dell’Arena di Verona. Al pianoforte le mani di Vincenzo Cicchelli, che da oltre quindici anni è votato all’accompagnamento del Canto e si dedica all’ideazione di programmi a tema, impreziosendo l’esecuzione con una personale guida all’ascolto.

Musiche di G. Caccini, A. Cesti, F. Durante, A. Marcello. A. Vivaldi, A. Scarlatti, G. B. Pergolesi, G. Paisiello

Ticket: 10 euro

Sabato 8 dicembre 2018 h 20.30| Sala Etrusca di Palazzo Pesce
via Van Westerhout 24, Mola di Bari
Info e prenotazioni: 3931340912 – palazzopesce@yahoo.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Brunori Sas in concerto al Palaflorio di Bari

    • solo domani
    • 5 dicembre 2020
    • Palaflorio
  • Sergio Cammariere con “La fine di tutti i guai” in concerto al Teatro Petruzzelli

    • 8 dicembre 2020
    • Teatro Petruzzelli
  • Eurorchestra da Camera di Bari, al via la XX stagione

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 30 dicembre 2020
    • Chiesa di San Carlo Borromeo

I più visti

  • ''Lezioni di Storia, Le opere dell’uomo'', al Petruzzelli di Bari tornano gli appuntamenti con la cultura e i viaggi a ritroso nella storia

    • dal 18 ottobre al 13 dicembre 2020
    • Teatro Petruzzelli
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Brunori Sas in concerto al Palaflorio di Bari

    • solo domani
    • 5 dicembre 2020
    • Palaflorio
  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento