Al Teatro Duse in scena i racconti del terrore di Edgar Allan Poe

Sabato 27 Ottobre 2018 alle ore 21:00 e domenica 28 Ottobre 2018 alle ore 20:00, presso il Teatro Duse di Bari, sarà di scena la compagnia "Il vello d' oro" con i racconti del terrore di Edgar Allan Poe "Il gatto  nero"; "Il cuore rivelatore"; "Sepolto vivo" con l'dattamento e regia di Cristina Angiuli e l' interpretazione di Cristina Angiuli, Alfredo Vasco.

Info e prenotazioni: 080/5046979 - 347/8158760
 

Tre racconti del maestro della Gothic novel, Poe creatore del Noir, morto nel 1849, influenzò tutta la letteratura poliziesca e quella Horror del secondo '800.

SEPOLTO VIVO
Il racconto è costituito da alcuni esempi di sepoltura di esseri umani ancora in vita, creduti morti a causa di un prolungato stato di coma o catalessi. Il brano evidenzia ripetutamente il terrore e l'angoscia che si provavano spesso, all'epoca, di fronte alla prospettiva di essere sepolti vivi. Vari sono stati i ritrovamenti di bare dai coperti graffiati e incisi dall'interno. 
Interpretato da Alfredo Vasco

IL GATTO NERO 
La protagonista racconta di aver avuto con suo marito una profonda passione per gli animali; ne avevano molti: pesci rossi,un cane, una scimmietta e un bellissimo gatto nero.
Quest’ultimo, è il preferito della protagonista, il suo nome è Plutone.
Ma con gli anni le cose cambieranno e la nostra protagonista si ritroverà a fare i conti con un tragico e singolare destino.
Interpretato da Cristina Angiuli

IL CUORE RIVELATORE 
Il racconto è la confessione dell'omicidio di un vecchio. 
L'anonimo protagonista puntualizza immediatamente di essere sano di mente anche se un po' nervoso; durante tutto il racconto vorrà dimostrare la sua lucidità mentale nel premeditare e compiere il crimine. L'assassino amava il vecchio con cui viveva, ma non sopportava il suo occhio chiaro da avvoltoio, quell'occhio sempre incombente, vitreo, che lo faceva diventare matto. Per sette notti a mezzanotte l'assassino era entrato cautamente nella camera del vecchio, ma questi dormiva e quindi non si vedeva il suo occhio malvagio, perciò non era riuscito ad ucciderlo. Tuttavia l'ottava notte il vecchio si svegliò. Per un'ora intera l'assassino non si mosse. Poteva sentire l'affanno e la tensione del vecchio che si trasformavano in paura mentre il suo battito cardiaco aumentava. Il racconto è un thriller psicologico.
Interpretato da Alfredo Vasco.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Hell in the cave', l’Inferno in scena nelle Grotte di Castellana

    • 26 settembre 2020
    • Grave delle Grotte di Castellana
  • Alla Cittadella degli Artisti di Molfetta debutta ''Il Colloquio'', il nuovo spettacolo della Compagnia Malalingua

    • dal 18 al 19 settembre 2020
    • Cittadella degli artisti
  • Al Tatì di Bari lo spettacolo dello showman Franco Cosa

    • solo oggi
    • 19 settembre 2020
    • Tatì

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • Nel centro storico di Bari la mostra d'Arte dell’Apulia Contemporary Art Prize 2020

    • dal 5 al 19 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento