I Riti della Settimana Santa a Valenzano

©Gianfranco di Lorenzo

I Riti della Settimana Santa a Valenzano (Ba) sono tra i più singolari e antichi della regione. La Processione dei Misteri del Venerdì Santo, infatti, è testimoniata sin dal 1675.

La particolarità di Valenzano è proprio nei Sacri Misteri, ben 48 gruppi statuari raffiguranti scene della Passione di Cristo che, eccezion fatta per Gesù Morto e per l'Addolorata, di proprietà ecclesiastica, appartengono a pie famiglie valenzanesi che li custodiscono in casa e ne curano l'addobbo per il corteo penitenziale del Venerdì Santo.

I Misteri, realizzati dai più importanti Maestri della cartapesta leccese e barese, rappresentano elevati tributi all'arte sacra, alcuni dei quali datati tra la fine del Settecento e la metà dell'Ottocento.

La partecipazione ai Riti è massiccia. Tra portatori, ragazze al pizzo che scortano lateralmente il gruppo statuario, figuranti e bambini vestiti da Gesù, da madonne e da angeli, complessi bandistici e devoti , si possono contare oltre mille persone.

L'organizzazione degli eventi è affidata al Comitato Feste Patronali San Rocco, dell'omonima Chiesa Matrice, che con attenta e scrupolosa meticolosità coordina gli eventi della Settimana Santa valenzanese.

Intensi momenti di preghiera si alternano alla genuina pietà popolare, particolarmente devota alla Passione e Morte di Gesù.

Quest’anno, come  spiega il Presidente Davide Abbinante, vi sarà nuovamente una mostra fotografica, curata da Giuseppe Roppo, presso la cappella della Madonna del Carmine, “Misericordiae vultus”, che illustrerà il passato ed il presente dei nostri riti, le suggestioni, i volti, gli aspetti tradizionali della Processione dei Misteri.

Il Giovedì Santo, invece, come tra l'altro avviene anche in molte altre città, al termine della Santa Messa in Coena Domini si fa visita ai vari Altari della Reposizione, tradizionalmente chiamati "Sepolcri" mentre in Piazza Vecchia, nel centro storico, viene esposto il Mistero “L’Ultima Cena”.

Ma il momento in cui il pathos e la devozione raggiungono il culmine è certamente quello del Venerdì Santo.

12884595_10207323560145105_1058942307_n-2

Particolarmente emozionante è l'incontro tra l'Addolorata e il Calvario prima della Processione, il cui inizio avviene alle ore 10:30 dopo il consueto raduno dei Misteri su Corso Aldo Moro; subito dopo al suono della troccola, si snoda il corteo penitenziale per le vie di Valenzano.

Le struggenti note delle più celebri marce funebri accompagnano tutto il percorso processionale, che copre buona parte della città.

Verso le ore 16:30, la Processione termina nello stesso luogo della partenza. Il Parroco della Chiesa Matrice, infine, tiene la consueta predica dal balcone adiacente la canonica, al termine della quale chiama l'Addolorata per porgerle tra le braccia il Crocifisso, rappresentante la ricerca ormai conclusa da parte della Madre che ritrova il Figlio morto.

Segue l'azione liturgica in Passione Domini con l'Adorazione della Croce in Chiesa.

In serata, invece, a partire dalle ore 22:00, si snoda l'ultima processione di Gesù Morto e dell'Addolorata, quale rappresentazione del corteo funebre che accompagnò Cristo al Sepolcro, in attesa della Risurrezione.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Itinerario 'Bari sotto la città'

    • 28 febbraio 2021
    • Centro storico
  • Itinerario 'Bari e il mare'

    • 27 febbraio 2021
    • Lungomare
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • 28 febbraio 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Conversano: tra archi e torri

    • 28 febbraio 2021
    • Centro Storico
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento