"Rubi Antiqua": un progetto di ricerca franco-italiano, al Castello Svevo di Bari

“Rubi Antiqua” è un progetto di ricerca franco-italiano, finanziato dalla Regione Puglia e dal Conseil Scientifique della Mairie de Paris, coordinato dall’archeologa barese Daniela Ventrelli, ricercatrice presso il dipartimento parigino ANHIMA UMR 8210 (Anthropologie et Histoire des Mondes Antiques).
L'UMR 8210 è una "unité mixte de recherche", i cui membri appartengono a prestigiosi organismi istituzionali francesi come il CNRS (Centro Nazionale di Ricerca Scientifica), l'École des Hautes Études en Sciences Sociales, l’École Pratique des Hautes Études, l'Université Paris 1-Panthéon Sorbonne, l'Université Paris 7 Diderot.
"Rubi Antiqua" intende rinnovare l’interesse sull’archeologia e sul collezionismo dell’Ottocento tra Italia e Francia, attraverso l’osservatorio privilegiato del sito di Ruvo di Puglia mediante una serie di attività di ricerca e divulgazione nel territorio italiano e francese, che saranno illustrate nel corso della presentazione.
La conferenza di presentazione alla città del progetto sarà introdotta dal sindaco Vito Nicola Ottombrini e dall’assessore alle politiche culturali Pasquale Depalo. Assieme al Comune di Ruvo di Puglia e agli ultimi eredi della famiglia Jatta che abitano ancora le sale dell’antico Palazzo, vi sarà la partecipazione di Regione Puglia e Soprintendenza per i beni archeologici della Puglia, partner italiani del progetto. Interverranno, inoltre, i rappresentanti di prestigiose istituzioni francesi, come la stessa UMR 8210 ANHIMA, l’INHA (Istituto Nazionale di Storia dell’Arte di Parigi), il Museo del Petit Palais di Parigi, l’EHESS (Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, Paris) e l’EPHE (Ecole Pratique des Hautes Etudes, Paris).

Sintesi del progetto
I reperti archeologici scoperti sul territorio del sito peucezio di Ruvo di Puglia, in Italia meridionale, hanno suscitato l’interesse e la curiosità degli antiquari europei del Settecento e dell’Ottocento. Se in Italia, a Ruvo, si costituiscono collezioni incentrate sul patrimonio locale (fratelli Giovanni e Giulio Jatta, Caputi, Lagioia) e altri reperti antichi di
Ruvo vanno ad arricchire il Reale Museo Borbonico di Napoli, in Francia il fenomeno delle esportazioni e della vendita all’asta di collezioni, alimentano di antichità ruvestine prima le collezioni private (duc de Blacas, Edme Antoine Durand, Joseph Tôchon), poi
i musei pubblici. Inoltre il bilancio del decennio francese a Napoli, e i lavori svolti dall’Istituto di Corrispondenza Archeologica ai quali la Francia prese parte in maniera determinante, hanno avuto un impatto decisivo sull’archeologia italiana dell’Ottocento. Questo progetto intende rinnovare l’interesse sull’archeologia e sul collezionismo
dell’Ottocento tra Italia e Francia, attraverso l’osservatorio privilegiato del sito di Ruvo.
Se alcuni studi, precedenti e isolati, hanno affrontato l’argomento, si deve tuttavia costatare a tutt’oggi la mancanza del catalogo scientifico e dello studio storico della ricca collezione Jatta, divenuta museo nazionale ormai 20 anni fa, nonché di una sintesi scientifica sull’archeologia ruvestina e del suo impatto sul collezionismo italo-francese.
Rinunciando all’approccio biografico che ha caratterizzato finora la bibliografia precedente,
si partirà dallo studio della storia del sito archeologico, ritenuto il più pertinente
all’analisi di un fenomeno globale, transdisciplinare ed europeo. Lo studio di fonti archivistiche inedite (archivi privati Jatta e fondi d’archivi pubblici italiani e francesi) e l’analisi scientifica dei reperti restaurati, arricchiranno la nostra conoscenza della
collezione Jatta e delle altre collezioni ruvestine, ed infine del restauro di antichità
nell’Ottocento.
I risultati di questo studio saranno diffusi sotto forme diverse, per differenti tipologie di pubblico. Per gli esperti un database accessibile on-line pubblicherà i risultati finali che saranno anche sintetizzati in pubblicazioni scientifiche, di cui i componenti dell’equipe di ricerca presenteranno i lavori in occasione di un convegno organizzato dall’Istituto Nazionale di Storia dell’Arte di Parigi. Per il grande pubblico, un film documentario mostrerà le varie fasi della ricerca evidenziando l’importanza del sito di Ruvo nella storia dell’archeologia europea. Una mostra, infine, ospitata da un importante museo parigino s’interesserà al fenomeno delle collezioni archeologiche dell’Ottocento, attraverso l’esempio della famiglia Jatta e di altre importanti famiglie ruvesi, rendendo
fruibili al grande pubblico alcuni reperti molto famosi e opere d’arte poco conosciute.

Partner scientifici
Programma di ricerca Museo del Louvre/INHA “Répertoire des ventes d’antiques à Paris au XIX siècle”, INHA (Istituto Nazionale di Storia dell’Arte di Parigi) – Museo del Petit Palais - C2RMF (Centro di Ricerca e di Restauro dei Musei di Francia) - Museo Archeologico Nazionale di Napoli - Museo Archeologico Nazionale Jatta - Soprintendenza Archeologica della Puglia 
- Università degli Studi di Bari – Università degli Studi di Milano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Estate a Locorotondo 2020: festival, libri, spettacoli e tradizione

    • dal 17 July al 24 August 2020
    • varie
  • A villa Longo De Bellis la settima edizione del Festival Ecomuseale delle Arti

    • dal 9 July al 11 September 2020
    • villa Longo De Bellis
  • #PhEST2020: TOTALLY OUTDOOR!: a Monopoli tre giorni di inaugurazione con visite guidate ed eventi speciali

    • da domani
    • dal 7 al 9 August 2020
    • varie

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 July al 27 September 2020
  • L'inferno dantesco nelle Grotte di Castellana: ad agosto torna lo spettacolo 'Hell in the Cave'

    • dal 1 al 29 August 2020
    • Grotte di Castellana
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 July al 30 September 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 October 2019 al 23 October 2020
    • n.0 GALLERY
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento