"Taglio Lungo", la prima rassegna cinematografica in streaming organizzata dal Coordinamento dei festival di cinema Lgbt

  • Dove
    online
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 01/04/2021 al 04/04/2021
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Sito web
    piattaforma MyMovies

Da giovedì 1 a domenica 4 aprile 2021 andrà in streaming «Taglio Lungo», la prima rassegna cinematografica organizzata dal Coordinamento dei festival di cinema LGBTQ. Sulla piattaforma MyMovies saranno ospitati i migliori otto film a tema, proposti nel 2020 e selezionati dalle nove realtà organizzatrici dell'evento. 

La rassegna inizierà alle ore 20.00 di giovedì 1 aprile e presenterà ogni giorno due film, in versione originale con sottotitoli in italiano. Ogni lungometraggio sarà a disposizione del pubblico per 48 ore (costo unico dell'abbonamento a tutti i film 9,90 euro). Tra i titoli in programma, «Il caso Braibanti», di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese, è il film proposto dal BIG; gli altri sono «Alice Junior», di Gil Baroni (Brasile); «All we’ve got», di Alexis Clements (Stati Uniti); «Fin de siglo», di Lucio Castro (Argentina); «Margen de error», di Liliana Paolinelli (Argentina); «Meu nome é Bagdá», di Caru Alves de Souza (Brasile); «Ne croyez surtout pas que je hurle», di Frank Beauvais (Francia); «Saint Narcisse», di Bruce La Bruce (Canada).

Con «Taglio Lungo», il Bari International Gender Film Festival, insieme agli altri otto festival del Coordinamento, ha deciso di realizzare insieme un progetto corale che presenti la ricchezza della comunità LGBTQ, come il frutto del dialogo tra differenze. Il Coordinamento dei festival di cinema LGBTQ è un’esperienza inedita in Italia, che si propone di elaborare obiettivi e progetti condivisi, pur mantenendo l’autonomia dei singoli festival. Oltre al BIG fanno parte del coordinamento, i festival Florence Queer Festival (Firenze), Gender Bender (Bologna), MiX Festival Internazionale di cinema LGBTQ+ e cultura queer (Milano), Immaginaria International Film Festival of Lesbians & Other Rebellious Women (Roma), Orlando Identità Relazioni Possibilità (Bergamo), Sardinia Queer Film Expo (Cagliari), Sicilia Queer filmfest (Palermo) e Some Prefer Cake Bologna Lesbian Film Festival (Bologna).

I titoli scelti propongono un percorso sfaccettato tra storie individuali e collettive di incontro e separazione, di scoperta e cambiamento, di memoria politica, storica e familiare. Se le protagoniste di “Alice Junior” e "Meu nome é Bagdá" sono adolescenti dal genere non conforme, alla ricerca di sé e di un proprio posto nel mondo, che riescono a combattere discriminazioni e violenza costruendo relazioni solidali e potenzianti, Iris, la cinquantenne protagonista di "Margen de error" mette invece in discussione la stabilità della sua vita e delle sue relazioni, seguendo la possibilità di un cambiamento che presenta però qualche margine di errore. Il primo amore o un nuovo amore, quindi, ma anche l’amore passionale e cangiante di una coppia che, al suo interno, contiene molte coppie diverse in "Fin de siglo", e l’amore perduto in "Ne croyez surtout pas que je hurle", in cui il cinema si fa diario. Un percorso che tocca quindi anche il tema della memoria: memoria alla scoperta dei segreti di famiglia, come in "Saint Narcisse", di Bruce LaBruce; memoria riscoperta di un intellettuale eretico nel Novecento italiano ("Il caso Braibanti"), memoria, infine, degli spazi della comunità lesbica negli Stati Uniti nel documentario “All we’ve got”.

I nove festival hanno storie e percorsi differenti, ma sono accomunati da una lungimiranza nell’agire culturale e un impegno costante, affinché la cultura cinematografica LGBTQ continui ad arricchirsi con le storie, le vicende e i personaggi di quel variegato mondo che ruota attorno alle differenze legate agli orientamenti sessuali e alle identità di genere.

Un’operazione che vuole confrontarsi con i cambiamenti della società, allargando il proprio sguardo verso territori cinematografici nuovi, espressioni di posizioni eterodosse, trasversali, non convenzionali anche dal punto di vista delle poetiche e dei linguaggi. «La scelta di mettersi in rete nasce dal bisogno di confrontarci in maniera responsabile sui cambiamenti culturali e sociali generati in questi anni, anche attraverso le attività dei nostri festival», dichiarano le organizzatrici e gli organizzatori. Negli anni sono stati introdotti dei temi inediti per la distribuzione cinematografica nazionale ed è volontà dei festival riconoscersi precisamente in una formula che utilizzi la cultura cinematografica come una preziosa occasione per la creazione di comunità.

Un'occasione che in questo periodo di chiusura delle sale cinematografiche si impegna a immaginare e costruire la futura proposta culturale . «Riteniamo sia doveroso cominciare a ripensare già da adesso al futuro con una visione più inclusiva , con uno sguardo che derivi da una nuova sensibilità maturata in questi mesi in cui si è posta all’attenzione di tutte/i la gravità e il peso della frammentazione e dell’impossibilità di incontro», concludono le organizzatrici e gli organizzatori di “Taglio Lungo”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Incontro con i giovani del Fai 'Archeologia a Bari tra passato e presente'

    • solo oggi
    • 8 aprile 2021
  • Mannarino in concerto al PalaFlorio di Bari

    • 27 aprile 2021
    • Palaflorio
  • XX Stagione dell’EurOrchestra da Camera di Bari: tutti i concerti in streaming

    • dal 4 marzo al 10 giugno 2021
    • https://www.lagazzettameridionaletv.com sulla pagina Facebook dell’EurOrchestra e sul gruppo Facebook Eurorchestra da Camera di Bari
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento