Ultimo appuntamento con la rassegna Admoveo: "La conquista del sud"



Conquistati e conquistatori saranno sul palco della storia, per confessare strategie, complotti, illusioni e speranze di un’Italia vista da una prospettiva non “leggendaria”.
Va rilevata la stesura della sceneggiatura che non si rifà alla diffusione piemontese né tanto meno al revisionismo di parte meridionale. Non saranno usati saggi storici ma documentazioni originali, scritti privati e atti pubblici in grado di ripercorrere, nel modo più oggettivo possibile, le varie fasi dell’operazione “Due Sicilie”.
Quattro voci accompagnano lo spettatore fra testi autentici, canti e confessioni dei protagonisti dell’Unità. Le parole dei personaggi si avvicendano in scena fra storie cantate e recitate.
Quadri della seconda metà dell’Ottocento si alternano continuamente, accompagnando lo spettatore in una storia a tratti crudele, a tratti poetica che non porta in sé la provocazione secessionista ma al contrario, cerca di generare un reale sentimento unitario, reso possibile unicamente dalla conoscenza della storia del nostro popolo.

La direzione si fonda sulla pluriennale esperienza di analisi del “teatro storico” ricercando e divulgando le reali esigenze di un regno alla deriva (Savoia), spinto alla necessaria conquista di uno Stato fra i più ricchi e antichi d’Europa (Due Sicilie).
Il risultato fu un terzo regno chiamato “d’Italia” che non vide neanche un secolo di vita e che, nei suoi scarsi novant’anni d’esistenza, portò all’assurda dimensione di uno Stato “a due velocità”.
Dopo “Tornare Briganti”, con la partecipazione di Otello Profazio; dopo “Come Diventammo Italiani”, Antonio Minelli raggiunge un punto di maturità storica tale da condurre il gruppo
Formediterre, alla realizzazione di un teatro civile, storicamente accertato dagli stessi protagonisti, dando spunti di riflessione ma anche di tagliente umorismo.

Admoveo è un progetto della Compagnia Formediterre promosso da: AmaRum, Caseificio Artigiana, Assicurazioni Natile-Polignano, Dolce Bontà e sostenuto da: CNA Puglia, FAI/ Delegazione di Bari, Galleria Nartist, ItrArti, Technè, Imago-i Danzattori, La Comunità Fratello Sole, U.P.T.E. Putignano.

RASSEGNA DI TEATRO, DANZA E CULTURA “ADMOVEO”
“LA CONQUISTA DEL SUD”
Domenica 2 Settembre 2018, ore 21:00 / Galleria Nartist, Gioia del Colle (BA)
Ultimo appuntamento con la rassegna “Admoveo”, nella splendida cornice del palazzo ottocentesco della Galleria Nartist di Gioia del Colle, con il momento teatrale e musicale “La conquista del Sud” della compagnia Formediterre scritto e diretto da Antonio Minelli.


Biglietti: intero 8€ / ridotto 5€ (under 25 / gruppi 10 persone) / abbonamento 4 spettacoli: 20€
Posti limitati. È consigliata la prenotazione: +39 3331776789 / admoveo@formediterre.it
Evento fb: https://www.facebook.com/events/1801716973240359/
Sito web: https://www.formediterre.it/admoveo.htm

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano
  • Online il meglio di Ninni Di Lauro

    • Gratis
    • dal 10 novembre al 10 dicembre 2020
    • web
  • Lo spettacolo 'Il fantasma di Canterville ' per 'La Prosa del lunedì con i classici dell'Abeliano'

    • 30 novembre 2020
    • online

I più visti

  • ''Lezioni di Storia, Le opere dell’uomo'', al Petruzzelli di Bari tornano gli appuntamenti con la cultura e i viaggi a ritroso nella storia

    • dal 18 ottobre al 13 dicembre 2020
    • Teatro Petruzzelli
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Brunori Sas in concerto al Palaflorio di Bari

    • 5 dicembre 2020
    • Palaflorio
  • VIII edizione ''Alla scoperta di Noja''

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 5 ottobre al 29 novembre 2020
    • Lama Giotta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento