Vernissage "Sguardi", mostra fotografica collettiva di 11 autori

Martedì 15 settembre 2015 ore 17:00

Ex Palazzo delle Poste Roberto Narducci Piazza Cesare Battisti/Via Nicolai.

Orari della mostra 9:30-20:15; sabato fino alle ore 13:00; domenica chiuso; fino al 12 ottobre.

Interviene il Magnifico Rettore Università Aldo Moro Antonio Uricchio e il Magnifico Rettore del Politecnico di Bari Eugenio Di Sciascio.

Vernissage "Sguardi" mostra fotografica collettiva di 11 autori,

33 fotografie, proposta dall'associazione "Puglia Legge" a cura di Gheti Valente e Franco Altobelli.

Gli autori: Franco Altobelli, Angela Marano, Ennio Cusano, Fonte Silvia Meo, Donatella Zito, Miki Carnimeo, Paola Di Giulio, Nicola Scagliola, Vale Morello, Francesco Pomes, Marina Damato.

Un'indagine fotografica che focalizza l'attenzione dell'occhio fotografico sullo sguardo femminile visto da uomini e donne.

Si prevede la partecipazione degli artisti Massimo Nardi e Angela Reginacon una performance di body painting.

"SGUARDI"

in una presentazione di

Carmelo Guido

Ci stanno tutti.
Quelli dei bimbi, quelli dei ragazzi e quelli delle ragazze, quelli degli uomini e quelli delle donne, quelli degli attori di casa nostra e di quelli internazionali, quelli di animali innocui o di quelli collerici.
Ci stanno pure quelli della luna e quelli delle stelle.

C'è qualcosa che ci accompagna sempre, nella nostra vita costruita sulla palafitta col chiaroscuro battente, che ci segue senza perdere il fiato, che ci rende assenti o presenti, che ci rilassa o che ci irrita innegabilmente.
Che pure ci vede protagonisti, in prima persona, verso l'ignoto coi pensieri stagnanti o verso un preciso obiettivo, stimolante o meno, ma certamente tangibile.

Gli sguardi.
Fanno il centro nell'intero universo della gente divenendo modello ed esempio perfetto per molteplici sintonie, spesso silenti e raminghe.
E sono di tutti, e di tutti questi ne facciamo un fastello: lo annodiamo stretto, in modo che non si possa allentare affinché tutti questi mutevoli ammiccamenti non evadano dalla quella labile memoria che vuol sovente dissolversi e andare.

Il mezzo straordinario e struggente per sedurre, invitare, raccogliere e disegnare traiettorie auree; il mezzo orribile per confutare, negare, elargire inavvertibili ma sincopate contumelie.
Essi non hanno colore e nemmeno bandiera e sono infiniti e definiti; e quando gli occhi che s'incrociano hanno tinte dissimili tra loro, i codici che essi propagano alla velocità pari a quella della luce, sono ugualmente decifrabili.

Ad ognuno di noi resta stabile nella mente quello sguardo che può aver deciso una definita porzione della nostra esistenza, rapido o durevole che sia stato, il cui difficile offuscamento od allontanamento dalla memoria ne rivela la forza e l'energia per cui si è così ben stipato.

In questa vita in cui ci si ripete parossisticamente che nulla è per sempre, uno sguardo può diuturnamente restare, e quello che ci piacerà di più sarà tuttavia proprio quello che non abbiamo mai colto, ma che avremmo voluto fosse davvero nostro.

Qui si è rubato un attimo, ci si è appropriati di un istante fuggevole e, con autentica maestria, viene rivelato in tutta la sua magnificenza: sta a voi leggerlo e contemplarlo, magari dandogli più di un lieve e fugace sguardo.

Carmelo Guido

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • I Modà in concerto al Palaflorio

    • dal 13 al 14 marzo 2021
    • Palaflorio
  • Dal pop al contemporaneo: Lodola Marco, Mascoli Vincenzo e Cannistrà Leonardo

    • dal 19 dicembre 2020 al 30 giugno 2021
    • cantine pop
  • Visita guidata a Molfetta: la città fatta di miele

    • 6 marzo 2021
    • Centro storico
  • Itinerario 'Bari e il suo sottosuolo'

    • 7 marzo 2021
    • Piazza Cattedrale, 28
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BariToday è in caricamento