I Virtuosi di San Martino celebrano Totò al Teatro van Westerhout di Mola di Bari

Dissacranti, raffinati. E artefici di un teatro musicale ricercato. Sono i Virtuosi di San Martino, il quintetto Premio Ciampi nel 2014 che per la Stagione della Compagnia Diaghilev, domenica 26 novembre (ore 20), al Teatro van Westerhout di Mola di Bari, celebra Antonio De Curtis con lo spettacolo «Totò, che tragedia!», omaggio al principe della risata con il quale l’ensemble del violoncellista Federico Odling e dal cantattore Roberto Del Gaudio affronta il repertorio del grande comico napoletano, scoprendo anche il suo mondo più privato e una storia sentimentale poco nota: il tormentato amore per la ballerina Liliana Castagnola, il cui tragico epilogo fa da contraltare alla potenza coinvolgente di uno dei più straordinari artisti del Novecento.

I Virtuosi di San Martino lavorano sulla rivisitazione di materiale storico, attingendo alla tradizione della canzone popolare degli Anni Trenta attraverso una formula che occhieggia alla musica colta e al teatro, tra avanspettacolo e opera. Il loro è uno stile originale basato sul superamento, dei generi. E in questo spettacolo prodotto da Regione Campania e Fondazione Campania dei Festival/Teatri Uniti il punto di partenza è la militanza di Totò nell’avanspettacolo e nella rivista: le sue frequentazioni con il leggendario impresario Peppino Jovinelli, con Ettore Petrolini e poi con Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Alberto Sordi e, naturalmente, con Eduardo e Peppino. Da qui la costruzione della sua personale macchina comica: il burattino, il cantante, l’attore, l’autore. E ogni virtuosistica ricerca rivolta all’arte della risata. Ma dietro tutto questo c’è l’uomo e la sua storia con Liliana, la sua “militanza sentimentale”.

Autore della drammaturgia, Roberto Del Gaudio, oltre ad indossare la “venerata” bombetta, elabora la sua narrazione attraverso l’interpretazione caricaturale di tantissimi personaggi dell’epoca, rivelandoli in scena nell’irresistibile gioco dialogico, con la musica eseguita alle sue spalle da Federico Odling (violoncello), Vittorio Ricciardi (flauto), Carmine Ianniciello (violino) e Carmine Terracciano (chitarre), per un racconto appassionato e travolgente, tra gioia e dolore, dei momenti artistici e di vita più significativi sui quali si fonda il mito del Principe De Curtis.

Teatro Van Westerhout

Mola di Bari

domenica 26 novembre, ore 20

spettacolo in abbonamento

prenotazioni 3331260425

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'Hell in the cave', l’Inferno in scena nelle Grotte di Castellana

    • 26 settembre 2020
    • Grave delle Grotte di Castellana
  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 luglio al 27 settembre 2020
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • 'Life in color - la mostra d'arte della Contraccademia'

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 30 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi, Bari Vecchia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento