Sei accordato? La guida per chi vuole imparare ad accordare la chitarra

Diapason a fischietto, metodo del quinto tasto e orecchio

Chi acquista una chiatarra, che sia classica o acustica, come prima cosa deve imparare ad accordarla. Ma come fare? Con il diapason a fischietto accorderemo il La. L’orecchio e il metodo del quinto tasto per le altre corde. Il primo scoglio che si incontra quando si vorrebbe imparare a suonare la chitarra è la corretta accordatura dello strumento. Una chitarra scordata è inservibile mentre da una accordata approssimativamente, trarremo, nel migliore dei casi, poca soddisfazione.
 

L’accordatura della chitarra: la prima cosa da imparare

Diciamo quindi, che l’accordatura è una delle primissime cose da imparare.  Soprattutto all’inizio, affidarsi solo al nostro orecchio non è semplice. L’udito ha bisogno di affinarsi e di prendere confidenza con lo strumento, ci vuole un po’ di tempo.
Può venirci in soccorso un semplice diapason a fischietto, acquistabile per pochi euro in qualsiasi negozio di musica, che ci fornisce la nota La, il suono della quinta corda della chitarra.
 All’orecchio resterà molto lavoro per una buona accordatura, ma almeno avrà un punto da cui  partire. Grazie al diapason potremo evitare di realizzare una accordatura corretta, ma troppo bassa o troppo alta ed in questo caso di tendere troppo il “Mi cantino” fino alla sua rottura. 

Tensione delle corde

Accordare la chitarra significa intervenire sulla tensione delle sue corde, questo si può fare girando le chiavi di riferimento che permettono di abbassare o alzare la nota.

Numero di corde e note

Le corde sono sei e si contano a partire dal basso. La prima corda è quella più fine che emette la nota più acuta, la sesta corda è quella più grossa che riproduce il suono grave. Le note da riprodurre, dalla prima alla sesta corda, sono:

Mi (chiamato “Mi cantino”); Si; Sol; Re; La; Mi (o Mi basso).

Accordare la chitarra: metodo del quinto tasto, come procedere

I metodi per accordare una chitarra classica sono tanti, quello del quinto tasto è uno dei più semplici, facile da imparare e veloce da eseguire. Con questo metodo, l’accordatura si esegue prendendo come riferimento la nota riprodotta poggiando le dita sul quinto tasto in corrispondenza di ogni corda.

  • Sesta corda

Quindi con questo metodo stiamo ipotizzando che almeno la sesta corda ,il “Mi basso”, sia accordata e accorderemo tutte le altre in funzione del “La” prodotto schiacciando il quinto tasto e facendo vibrare il “Mi basso”. Magari non sarà proprio un’accordatura perfetta ma sicuramente ci permetterà di migliorare il suono. Per alzare o abbassare la nota si interviene girando la chiave corrispondente avanti o indietro. 

  • Quarta corda

Suonando la nota “La” al quinto tasto emettiamo una nota “Re”. L’obiettivo è rendere il suono della quarta corda suonata vuota (il Re) uguale a quello della quinta corda suonata al quinto tasto (che riproduce sempre un Re). Il procedimento si ripete per tutte le corde, per esempio, la terza corda suonata vuota è un “Sol” che dovremo riprodurre con la quarta corda suonata al quinto tasto, e così via.

  • Prima corda

Quando sarete arrivati alla prima corda, ovvero al "Mi cantino" avrete finalmente finito. Per terminare dovrete toccare tutte le corde, una dopo l’altra, e  vi accorgerete che il suono è sicuramente più armonioso.

Accordare la chitarra: partenza nell’accordatura con il diapason

  • Quinta corda 

Il fischio del diapason  intona il La. Tendendo la quinta corda, il  La appunto, suonata vuota, cercheremo di riprodurre lo stesso suono.  

  • Sesta corda

La sesta corda è il “Mi basso”. Suoniamo questa corda al quinto tasto, tendendola per riprodurre lo stesso suono della quinta corda, il La. 

  • Quarta corda

Suonando la corda  “La” al quinto tasto emettiamo una nota “Re”. L’obiettivo è rendere il suono della quarta corda suonata vuota (il Re) uguale a quello della quinta corda suonata al quinto tasto (che riproduce sempre un Re). 

  • Le altre corde

Il procedimento continua come per il metodo del quinto tasto per tutte le corde, ma con un punto di partenza ottenuto da uno strumento, il diapason, anziché solo dalle nostre orecchie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritorno a scuola: come ordinare e ricevere in 24 ore i libri di testo per le scuole medie di Bari

  • I migliori libri per l’orientamento universitario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento