Martedì, 15 Giugno 2021
Università

Studenti dell'Università Lum impegnati come consulenti su progetti e sfide di Innovazione Digitale di alcune imprese aderenti a Confindustria

Prima edizione dell’iniziativa “Open challenge by Enterprise” in partnership tra l’Università Lum e i giovani imprenditori di Confindustria Bari-Bat

Studenti impegnati in qualità di consulenti sui progetti e sulle sfide di Innovazione Digitale richieste dalle imprese del territorio. Questa è la nuova frontiera dell’Innovazione didattica nell’Università LUM, sviluppata grazie alla collaborazione con i Giovani Imprenditori di Confindustria Bari-BAT nel progetto “Open Challenge by Enterprise” alla sua prima edizione.  

La prima edizione del progetto è stata presentata quest’oggi nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università Lum. Gli studenti del corso di Laurea Magistrale in Economia e Management, frequentanti gli insegnamenti di “Business Model Innovation” e “Digital Transformation” sotto la guida dei Proff. Antonello Garzoni, Ivano De Turi e Giustina Secundo, hanno presentato le soluzioni alle sfide di innovazione digitale di alcune imprese aderenti a Confindustria.

Novanta studenti organizzati in 19 gruppi sono stati seguiti dai CEO, marketing manager e HR manager delle aziende CityModa, Eulogic, Clipper, Maldarizzi, Promostudio e Top Service nell’analisi della trasformazione digitale dei processi aziendali e nella definizione di modelli di business innovativi.

“Il capitale umano di eccellenza e le competenze richieste dal mercato sono la priorità per il nostro Ateneo. La sinergia Università-Imprese-Istituzioni, da sempre punto di forza della LUM, consente all’Università LUM di anticipare anche le azioni di placement degli studenti, che sviluppano in aula le conoscenze e le skills in attività seminariali e laboratoriali guidati dai manager ed imprenditori delle imprese”, ha evidenziato Antonello Garzoni, Rettore della LUM.

Grande la soddisfazione di Donato Notarangelo (Presidente Confindustria Giovani imprenditori Bari-BAT) e Italo Bellizzi (Vice Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Bari-BAT).

 “Questo approccio didattico innovativo – ha dichiarato Notarangelo - in sinergia tra il mondo imprenditoriale e l’Università, crea importanti opportunità per entrambe le parti. In questo progetto specifico poi, gli studenti oltre a conoscere importanti realtà del territorio, hanno avuto modo di mettersi alla prova su casi concreti e di proporre le loro soluzioni innovative sulla trasformazione digitale e sui modelli di business, direttamente agli imprenditori delle aziende partecipanti. La contaminazione del le idee e della visione tra gli studenti e gli imprenditori sarà un pilastro della formazione del futuro e porterà sicuramente benefici anche in termini di placement anticipando le esigenze e le competenze richieste dai mercati”.  

L’accordo LUM - Confindustria (coordinato dal Prof Domenico Morrone della LUM) consentirà la creazione di una didattica innovativa di qualità in cui i manager e gli imprenditori diventano mentor degli studenti che a partire dalle conoscenze sviluppate in aula, lavorano sui bisogni di innovazione del territorio per sviluppare quelle soluzioni strategiche, organizzative e tecnologiche fondamentali per affrontare il contesto competitivo mutevole. Il fine ultimo sarà quello di sostenere nuove forma di innovazione nelle imprese del territorio grazie alle sinergie e alla complementarietà delle competenze universitarie con quelle industriali che vedano come protagonisti attivi gli studenti dell’Università LUM.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti dell'Università Lum impegnati come consulenti su progetti e sfide di Innovazione Digitale di alcune imprese aderenti a Confindustria

BariToday è in caricamento