life

Celle chiama, Bari risponde: gemellaggio alla scoperta dei Monti Dauni

Siglato l'accordo tra i comuni più grande e più piccolo della Puglia. L'intesa, promossa dal Gal Meridaunia, all'insegna della promozione turistica del territorio che ospita un'antica comunità di cultura franco-provenzale

Celle San Vito chiama Bari che risponde con piacere. Il capoluogo e il comune più piccolo di Puglia si uniscono in un gemellaggio all'insegna della promozione turistica e della scoperta, soprattutto da parte dei baresi, delle bellezze dei monti dauni, tra natura, storia e buon cibo.

Nella Sala Giunta di Palazzo di Città l'accordo, promosso tra gli altri anche dal Gal Meridaunia, è stato suggellato dal vicesindaco Alfonso Pisicchio e da Maria Giannini, prima cittadina del piccolo comune di soli 170 abitanti in provincia di Foggia, dove si respira la cultura franco-provenzale anche attraverso la lingua d'oltralpe, parlata fin dal XIII secolo: "Siamo una realtà molto diversa da Bari, e invito tutti a scoprirla. Abbiamo aria pura, acqua e siamo circondati da boschi. Voglio ringraziare il Comune di Bari che ha accettato con entusiasmo l'invito del Gal Meridaunia, consentendo così al nostro territorio, quasi sconosciuto, di compiere un salto di qualità".

Per il vicesindaco barese Pisicchio "la pari dignità in questo gemellaggio è fondamentale. I comuni e gli amministratori devo no guardare con attenzione allo sviluppo del territorio. In questo gemellaggio c'è reciproca collaborazione e volontà di fare insieme le cose".  L'assessore comunale al Marketing, Antonio Vasile, sottolinea gli aspetti reciproci e promozionali dell'accordo: "Aggiungiamo la montagna - afferma - al nostro splendido mare. Ci dovrebbe essere una sorta di riscoperta da parte dei baresi delle bellezze fuori porta, a solo un'ora di macchina. Per noi è un fidanzamento perfetto".

Alla cerimonia hanno preso parte anche il sindaco di Faeto, Antonio Melillo e gli amministratori di Castelluccio Valmaggiore, località, assieme a Celle, pronte ad ospitare, dal 25 al 27 aprile, una 3 giorni all'insegna della scoperta dei Monti Dauni, organizzata, tra gli altri, proprio dal Gal Meridaunia, con eventi ed enogastronomia di qualità: "In questi anni - ha spiegato il presidente del Gal, Alberto Casoria - in un territorio difficile, abbiamo cercato di mantenere viva la speranza per mantenere i servizi locali.  Siamo Best Practice  nella regione e non solo. Chiediamo al sindaco Emiliano e alla Giunta barese di fare sensibilizzazione sul progetto di rivitalizzazione della zona. Non siamo cittadini di Serie b e vogliamo rappresentare un punto di eccellenza per la Puglia".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Celle chiama, Bari risponde: gemellaggio alla scoperta dei Monti Dauni

BariToday è in caricamento