Mercoledì, 28 Luglio 2021
life

Turismo, scontro Federalberghi-Godelli. L'associazione: "In calo presenze e fatturati"

Gli albergatori denunciano la crisi del settore e il calo registrato durante i mesi estivi, e puntano il dito contro la Regione. L'assessore contrattacca: "Dati parziali e autolesionisti"

Presenze in calo del 20%, fatturati ridotti del 30%, taglio al numero dei lavoratori occupati del 2,2%: sono i dati diffusi da Federalberghi Bari-Bat e relativi alla stagione estiva 2012 nelle due province pugliesi. Numeri che mettono in evidenza una crisi del settore denunciata a gran voce dall'associazione, che nel fare un bilancio della stagione appena conclusasi punta il dito contro l'inefficacia delle politiche regionali nel settore.

L'ATTACCO DI FEDERALBERGHI - "Abbiamo provato con i dati e con la ragionevolezza - afferma il presidente della Federalberghi Bari-Bat Francesco Caizzi – a far riflettere l’assessore Godelli che con troppa leggerezza ha affidato in mano a tecnici non specializzati le cure del comparto turistico che è stretto dalla morsa della crisi nazionale e internazionale e ha urgente bisogno di provvedimenti e azioni che aiutino le nostre aziende in forte sofferenza”. “In questo anno difficile dobbiamo registrare il fallimento delle politiche regionali finalizzate alla destagionalizzazione – sottolinea Caizzi – ma, ahinoi, dobbiamo prendere atto che le risorse importanti investite per la promozione dell’incoming, rivenienti da fondi europei e gestite direttamente dall’assessorato attraverso la propria azienda Puglia Promozione, hanno portato risultati modesti. Un esempio illuminante, la forte contrazione di presenze straniere nonostante la scelta di puntare sullo sviluppo di alcune linee aeree low cost. Ma anche costosissime campagne di Russia che nulla hanno reso in termini di presenze turistiche”. “All’assessore Godelli – conclude Caizzi - la Federalberghi vuole comunicare che le politiche sul turismo necessitano di un pieno coinvolgimento degli attori che operano in un settore che, non dimentichiamolo, concorre al Pil pugliese per oltre due miliardi di euro l’anno".

LA REPLICA DI GODELLI - Ma la diretta interessata non ci sta e replica all'associazione contestando i dati diffusi. "In un mercato che cambia rapidamente di scenario e di prospettive,- dichiara l’assessore Godelli in una nota - i dati utilizzati e diffusi appaiono non soltanto del tutto parziali, ma addirittura autolesionisti. Parziali perchè non comprendono la massa di turisti presenti nelle tipologie ricettive diverse dagli alberghi, e autolesionisti perché non fanno che aumentare in senso negativo la percezione collettiva, oggi sempre più “internauta” e sempre più lontana dalle agenzie di viaggio e dall’offerta tradizionale di camere di albergo"."Senza attendere gli Osservatori nazionali, ma anche senza affidarsi ai facili profeti di sciagure di casa nostra,-conclude l’assesore- già nelle prossime settimane la Regione diffonderà e analizzerà i dati veri della stagione, rilevati da un serissimo istituto di ricerca nazionale e non da 'dilettanti allo sbaraglio'. In questi mesi, e questo è l’importante, attraverso la costruzione del distretto produttivo del turismo abbiamo aperto un tavolo di concertazione con l'intera filiera per definire assieme, in un contesto collaborativo e di partenariato e non a colpi di comunicati stampa, gli investimenti concreti e le proposte da mettere in campo a breve e a medio termine per lo sviluppo del sistema turistico pugliese.”
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, scontro Federalberghi-Godelli. L'associazione: "In calo presenze e fatturati"

BariToday è in caricamento