Venerdì, 30 Luglio 2021
life

Raccolta differenziata, Bari ferma aI 20%. Premiati tre Comuni in provincia

I dati del rapporto "Comuni ricicloni 2012" di Legambiente. Bari terza tra i capoluoghi di provincia pugliesi, ma le performance restano deludenti. Premio Start up a Rutigliano, Cellamare e Mola

Quanto si impegnano i Comuni pugliesi nella raccolta differenziata? Quali progressi sono stati fatti, quali invece ancora i punti di criticità? A fornire un quadro della situazione regionale sono i dati della V edizione pugliese del rapporto "Comuni Ricicloni 2012" di Legambiente, presentati oggi nella sede barese dell'associazione.

Ad aggiudicarsi il titolo di Comune Riciclone in Puglia è Monteparano, in provincia di Taranto, che ha conquistato il podio per la terza volta consecutiva. Questo piccolo ma virtuoso Comune di 2.411 abitanti della Provincia di Taranto, nel 2011 ha raggiunto la media del 73,2% di raccolta differenziata, superando abbondantemente il limite minimo del 60% di RD imposto dalla legge nazionale.

Restano invece un po' più in ombra i Comuni del barese. Nella classifica dei capoluoghi di provincia, Bari si attesta al terzo posto dopo Brindisi e Barletta, con una percentuale di raccolta differenziata che resta tuttavia molto modesta, superando appena il 20%. Un dato molto simile a quello rilevato nel 2011. Felici eccezioni in un panorama complessivo che non vede brillare i Comuni baresi sono rappresentate da Rutigliano, Mola e Cellamare. A questi tre Comuni, infatti,  è andato il 'Premio Start Up' per aver raggiunto in un anno (nel periodo che va da settembre/ottobre 2011 a settembre/ottobre 2012) percentuali superiori al 56% di RD, pari all’obiettivo di Piano Regionale del 56% fissato per il 2011.

"Finalmente anche la Puglia può vantare un comune capoluogo riciclone ossia Andria – dichiara Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia – Questo Comune, con più di 100 mila abitanti, ha avviato, da settembre scorso, la raccolta differenziata porta a porta raggiungendo percentuali in linea con gli obiettivi regionali e nazionali. Insieme ad Andria, in questa edizione, abbiamo premiato altri dodici comuni, tra cui Monteparano, che per la terza volta si aggiudica il premio di Comune Riciclone. Ma oltre queste eccezioni -continua Tarantini-  lo scenario rimane desolante con solo 17 Comuni sopra la soglia del 40% di RD, e con una media regionale di poco superiore al 17% di RD, a conferma che la Puglia continua ad essere fra le regioni che continuano ad affidarsi alla discarica per smaltire la maggior parte dei propri rifiuti. A questo si aggiunge il trend decisamente negativo dei capoluoghi di provincia e la richiesta di proroga dell’ecotassa da parte dei comuni inadempienti. In questo contesto dalle tinte in chiaroscuro, -conclude Tarantini- occorre una svolta su alcune priorità quali: il completamento degli impianti, ed in particolare la realizzazione di quelli per il trattamento della frazione umida, l’avvio della la raccolta differenziata porta a porta e l’approvazione dell’aggiornamento del Piano regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata, Bari ferma aI 20%. Premiati tre Comuni in provincia

BariToday è in caricamento