menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna il numero verde per segnalare i reati del mare

Attivo dal 15 giugno al 15 settembre, raccoglierà le segnalazioni dei cittadini relative a reati ambientali sul demanio marittimo. Manifesti informativi sul servizio saranno affissi in tutti i lidi balneari della Puglia

Torna il Numero Verde 800.894.500 per la segnalazione dei reati del mare e reati ambientali sul demanio marittimo. Previsto dall'Ordinanza Balneare 2016, quest'anno sarà affisso in tutti i lidi balneari della Regione Puglia

Sarà una rete di associazioni, riconosciute a livello nazionale dal MATTM, a gestire il nuovo Numero Verde 800.894.500 per la segnalazione dei reati del mare e reati ambientali sul demanio marittimo, istituito con DGR 518/2016 dall'Assessorato al Demanio e Patrimonio, Sezione Demanio e Patrimonio, Servizio Demanio Marittimo della Regione Puglia.

Le Associazioni Rangers d'Italia Sezione Puglia, il Coordinamento Regionale delle Guardie di FareAmbiente e il Gruppo Ripalta Area Protetta (Gruppo R.A.P.), federato alla Federazione Nazionale Pro Natura, assicureranno al cittadino un servizio di call center attivo tutti giorni dalle 9.30 alle 18.30, dal 15 giugno al 15 settembre.

Dopo tre anni di pausa, il progetto è stato completamente riorganizzato e si ripresenta con importanti novità che contribuiranno ad agevolare i cittadini che vorranno segnalare un abuso, un’infrazione o un reato ambientale sul demanio marittimo, garantendo loro la pivacy. Si potrà, infatti, chiamare il nuovo numero verde 800.894.500, o scrivere una mail ad ecoreatipuglia@gmail.com ovvero, novità assoluta di quest'anno, inserire la segnalazione online sul sito www.ecoreatipuglia.it, ottimizzato per smartphone, ove saranno disponibili tutte le informazioni utili. Inoltre si potrà ricevere una newsletter periodica e socializzare sulla pagina FB a cura di “Econews di Puglia”.

Il team, costituito da centralinisti esperti del settore, si arricchisce di un consulente giuridico, di un Ufficio Stampa per la comunicazione regionale e, a livello tecnico, di uno staff di geologi, biologi, ingegneri e esperti d’ambiente.  I sopralluoghi saranno effettuati dalle Guardie volontarie dislocate in tutte le provincie pugliesi. Nel corso del progetto, inoltre, verrà sviluppata una app e verranno organizzati incontri divulgativi, conferenze e manifestazioni. È prevista anche la gestione delle segnalazioni non inerenti le aree demaniali e il recupero della fauna selvatica in difficoltà. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento