Tutto sulla pasta: 10 mosse per capire se è di qualità

Tutti i segreti della pasta, l’alimento più amato dagli italiani. Scopri cosa sapere quando la compri

La pasta, l'alimento più amato dagli italiani. Non c'è pranzo senza pasta. Ma quale e come scegliere? Oggi esistono tante tipologie e diverse aziende che la producono. Ecco le indicazioni utili per acquistare la pasta perfetta per la tua cucina

Controlla l’etichetta

Innanzitutto, quando ti rechi a fare la spesa, controlla sempre attentamente l’etichetta. Quest’ultima, infatti, riporta preziose informazioni sulla qualità delle tipologie di grano impiegate e sul processo di produzione. Per quanto riguarda il grano, la legge vigente in Italia (la 580/67) impone alle aziende di utilizzare esclusivamente grano duro per la pasta secca.

Pasta fresca

Per la pasta fresca sono ammesse altre tipologie di grano (farine di grano tenero) purché l’acidità non superi i 6°. La normativa UE permette a chi produce pasta secca di miscelare il grano tenero a quello duro.

Fai attenzione al contenuto di proteine

Leggendo l’etichetta potrai avere informazioni anche in merito al contenuto di proteine. Tieni presente che una percentuale ridotta di proteine significa minore glutine e, di conseguenza, digeribilità elevata. Il glutine alto è “utile” ai produttori perché permette di essiccare la pasta ad alte temperature, diminuendo i tempi dell’operazione. Inoltre, adottando temperature elevate è anche possibile impiegare semola scadente. Una pasta di qualità dovrebbe, invece, poter godere di un’essiccazione prolungata (tra le 15 e le 30 ore). Meglio se questa avviene a temperature non superiori ai 50°C.

La trafilatura

Controlla anche se sulla confezione è presente l’indicazione del tipo di trafilatura. Un formato trafilato in bronzo (oppure oro) si caratterizza per la sua ottima capacità nell’assorbire i condimenti. Essa, inoltre, risulterà al dente raggiunti i minuti di cottura indicati. A differenza di quella trafilata in teflon, la pasta presenta anche maggiore porosità, con una superficie che appare leggermente biancastra.

Alterna i prodotti del supermercato a quelli artigianali e biologici

Prova ogni tanto a sostituire la pasta del supermercato con quella realizzata da piccoli pastifici artigianali. Se questo non è possibile, opta per il biologico quando ti rechi a fare la spesa. Godrai di una pasta ottenuta da farine macinate a pietra (per preservare il germe di grano) ed essiccate lentamente.

La pasta integrale 

Si tratta di un alimento completo, poiché contiene tutte le parti del chicco fornendo, di conseguenza, minerali e vitamine. Essendo ricca di fibre, è maggiormente saziante e risulta anche meno calorica con un minore indice glicemico.

Attenzione alle “finte integrali”

Fai attenzione però quando devi acquistarla. Dovresti, infatti, evitare di comprare quella proposta a prezzi eccessivamente bassi. Fanno parte delle “finte integrali” anche paste che affiancano, alla farina bianca raffinata, elementi quali crusca rimacinata o cruschello. Questi sono gli scarti del processo di raffinazione. In questo caso si parla di “integrale ricostituita”, sottoposta non ad uno ma a ben due processi di raffinazione.

Come conservare la pasta secca

La pasta secca ha il vantaggio di poter essere conservata molto a lungo, anche ben oltre la data di scadenza. La conservazione ideale sarebbe in contenitori a chiusura ermetica ma, se ne acquisti grandi quantità, tienile nelle confezioni di cartone. Queste, infatti, fanno traspirare il prodotto e garantiscono una maggiore protezione dalla formazione di muffe. Tuttavia, quando sarà arrivato il momento di utilizzarla, verificane sempre l’aspetto e l’odore.

Evita temperature elevate e umidità

In ogni caso ti consigliamo di porre la pasta in dispensa evitando temperature elevate e umidità. Una considerazione particolare deve essere fatta per quanto concerne la pasta “colorata” (con pomodoro, spinaci, eccetera). Se conservata per lungo tempo, questa ha la tendenza a scolorirsi ma non significa che sia andata a male.

Pasta fresca, conservazione

Le modalità di conservazione ideali per la pasta fresca sono svariate. In particolare, puoi scegliere tra conservazione in frigorifero e congelamento. La prima permette di mantenere inalterata la pasta una volta inserita in un contenitore a chiusura ermetica. Quella senza uova deve essere consumata entro 24/36 ore, mentre quella all’uovo dura fino a un massimo di 4 giorni. La conservazione in frigo è, però, sconsigliata per la pasta ripiena che, per l’umidità nel frigorifero, finirebbe per sfaldarsi. Per quest’ultima è ideale il congelamento, effettuato chiudendola negli appositi sacchetti per congelatore. In questo caso avrai 3 mesi a disposizione per consumarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Riecco Checco Zalone: ecco il manifesto di 'Tolo Tolo, il film al Cinema dal 1 gennaio 2020

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

  • Trovato morto nelle acque di Palese: per i familiari Roberto è stato ucciso, per la Procura incidente o malore

Torna su
BariToday è in caricamento