Autocertificazione: i documenti per cui può essere utilizzata

In quali casi può essere utilizzata l'autocertificazione

L’autocertificazione e le dichiarazioni sostitutive possono essere utilizzate nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con i concessionari e i gestori di pubblici servizi. Non possono invece essere utilizzate nei rapporti tra i privati, salvo che gli stessi non vi acconsentano, e davanti all’autorità giudiziaria nello svolgimento di funzioni giurisdizionali. L’autocertificazione può sostituirsi alle normali certificazioni.

Secondo la legge n.15/1968, si può ricorrere all’autocertificazione nei seguenti casi:

·  data e luogo di nascita;

·  la residenza;

·  la cittadinanza;

·  il godimento dei diritti politici;

·  lo stato di celibe, coniugato o vedovo;

·  lo stato di famiglia;

·  l’esistenza in vita;

·  la nascita del figlio;

·  il decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente;

·  la posizione agli effetti degli obblighi militari;

·  l’iscrizione in albi o elenchi tenuti dalla Pubblica Amministrazione.

Il D.P.R. n. 445/2000 ha poi introdotto nuove norme che allargano il numero dei casi per cui è possibile ricorrere all’autocertificazione:

·  titoli di studio acquisiti;

·  qualifiche professionali;

·  esami sostenuti universitari e di stato;

·  titoli di specializzazione;

·  titoli di abilitazione;

·  titoli di formazione;

·  titoli di aggiornamento;

·  titoli di qualificazione tecnica;

·  situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;

·  assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare;

·  codice fiscale o partita IVA;

·  qualsiasi dato dell’anagrafe tributaria;

·  stato di disoccupazione;

·  qualità di pensionato e categoria di pensione;

·  qualità di studente;

·  qualità di casalinga;

·  qualità legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;

·  iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;

·  adempimento o meno degli obblighi militari compresi quelli di cui all’art. 77 del D.P.R. n. 237/64 come modificato dall’art. 22 della legge 958/86;

·  assenza di condanne penali;

·  qualità di vivenza a carico; tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile.

 

I CASI IN CUI NON PUO' ESSERE MAI UTILIZZATA

La possibilità di avvalersi dell’autocertificazione NON E’ MAI AMMESSA per i certificati:

·  medici;

·  sanitari;

·  veterinari;

·  di origine;

·  di conformità all’Ue;

·  marchi;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

·  brevetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Tragico scontro auto-moto tra Locorotondo e Martina, muore giovane coppia: lasciano un bimbo di dieci mesi

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento