Legge 215/92: i documenti da presentare

Come presentare domanda per ottenere i finanziamenti previsti dalla legge 215/92 e quali documenti presentare

La presentazione della domanda per accedere alle agevolazioni previste dalla legge 215/92 prevede la compilazione di una serie di documenti. La modulistica utilizzata dev'essere quella originale del Ministero, pena l'annullamento della domanda.

I documenti necessari per richiedere le agevolazioni sono:


Modulo di richiesta delle agevolazioni: contenente i principali dati ed informazioni sull’impresa proponente e sul programma di investimenti;

Scheda tecnica: in cui è presente la descrizione dettagliata dell’iniziativa proposta ed i relativi dati economico-finanziari;

Certificato di iscrizione presso il registro delle imprese della competente Camera di Commercio, corredato dalla dicitura antimafia (documentazione non richiesta per le imprese individuali non ancora iscritte, al momento della presentazione della domanda, nel Registro delle imprese).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disponibilità dell’immobile: l’impresa, al momento della presentazione della domanda, deve dimostrare di possedere già i locali dove esercitare l’attività. I principali titoli di disponibilità sono: locazione, comodato, concessione demaniale, proprietà, assegnazione di area ASI ma anche compromesso d’acquisto o promessa di vendita. Attenzione: tutti i contratti devono essere registrati prima di presentare la domanda.

Destinazione d’uso: al momento della presentazione della domanda i locali dove sarà esercitata l’attività devono già avere la giusta destinazione; ad esempio un negozio di frutta e verdura potrà operare solo in locali la cui destinazione sia commerciale (e non ad esempio magazzino) oppure un albergo potrà operare in un’area con destinazione ricettiva e non in un immobile adibito ad abitazione. La destinazione d’uso si può dimostrare solo con un certificato del comune oppure una perizia giurata. È comunque da allegare tutta la documentazione di corredo: preventivi, planimetrie, computo metrico, curriculum dei soci.

Tutte le informazioni e la mosulistica sul sito del Ministero delle Attività Produttive: www.sviluppoeconomico.gov.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

  • Positivo al Covid, ma era al lavoro nel negozio della moglie: attività chiusa, 56enne denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento