Perche la cipolla fa piangere?

Pulire la cipolla comporta molto spesso quella incontrollabile lacrimazione. Scopri quali sono i trucchi per evitare questo effetto fastidioso e tagliare la cipolla senza commuoverti


Capita sicuramente anche a voi che tagliando una cipolla poi vi ritrovate a piangere senza sapere il perchè? Per evitare questo fastidioso effetto negli anni sono stati adottati vari tipi di escamotage. Ma sono davvero funzionanti? Per aiutarvi, ecco alcuni trucchi.

Perché la lacrimazione?

La lacrimazione degli occhi durante il taglio di una cipolla avviene perché l’occhio cerca di proteggersi dalle particelle volatili - riconosciute come irritanti - liberate nel momento in cui i tessuti della cipolla si spezzano. 

L'acqua

  • Cipolla sott’acqua: un rimedio potrebbe essere quello di affettare l’ortaggio sotto l’acqua corrente o affettarlo immerso completamente nell’acqua in un apposito recipiente. 

  • Cipolla al fresco: un altro rimedio utile consiste nel tenere la cipolla in frigorifero o in freezer prima di tagliarla. Chiaramente le tempistiche sono differenti visto che, per non piangere, basteranno non più di 15 minuti di freezer e minimo un’ora in frigorifero.

  • Cipolla in ammollo: tenere in ammollo la cipolla, dopo averla sbucciata e divisa in 2, serve per denaturare l’enzima irritante. È però importante sapere che questa operazione rende meno aggressivo il sapore della cipolla stessa, quindi è consigliata solo per chi è in cerca di sapori più delicati.

Il coltello

  • Coltello affilato: quando le cellule della cipolla sono tagliate si libera l’enzima che porta l’occhio a lacrimare. Tanto più la cipolla è frantumata durante il taglio, tanto più ci troveremo di fronte a un rilascio enzimatico importante. Conviene quindi utilizzare un coltello affilato per evitare di rompere eccessivamente i tessuti della pianta bulbosa.

  • Lama del coltello bagnata: bagnare la lama del coltello con acqua fredda riduce il tipico rischio di pianto da taglio della cipolla.

Vapore

Per dissolvere i gas della cipolla è possibile utilizzare una fonte di vapore. Avvicinare un bricco d’acqua calda al tagliere da lavoro può ridurre la lacrimazione.

Sbucciare la cipolla con le mani

Se ci aiutiamo con un coltello, anche mentre sbucciamo la cipolla, rischiamo di liberare prima del dovuto le sostante irritanti e di ritrovarci a singhiozzare senza vedere una via d’uscita. Togliere la pelle che riveste la cipolla con le mani è quindi un rimedio utile.

Mangiare un pezzo di pane

Masticare lentamente un pezzo di pane durante il taglio della cipolla può essere utile. Con questa operazione la bocca si riempie di saliva, evitando così di provocare il bruciore agli occhi.

Aceto

Gli enzimi della cipolla possono essere sconfitti da soluzioni acide come l’aceto. Immergere la cipolla, dopo averla sbucciata, in acqua e aceto per 5 minuti serve a ridurre il rischio di lacrima facile.

Accessori

Gli accessori utilizzati per proteggere gli occhi mentre si affetta una cipolla spaziano dai classici occhiali da vista alle più stravaganti e invadenti maschere da sub. Chi non ama oggetti ingombranti può optare per un look più easy, indossando gli occhialini da nuoto.

Avvertenze

Una volta finito di tagliare la cipolla è importante non toccarsi mai gli occhi prima di lavarsi le mani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenza sessuale sul treno per Bari, blocca con la forza studentessa e la palpeggia: arrestato mentre era sul lungomare

  • Urtano un'auto in via Amendola, finti poliziotti scendono e rubano denaro a un ragazzo: fuga da Bari a Mola, inseguiti e arrestati

  • Blitz in un negozio cinese all'ingrosso di Bari: sequestrati 100mila euro di prodotti 'Apple' e 'Samsung' taroccati

  • Incidente a Bari, schianto all'incrocio: auto finisce fuori strada e abbatte semaforo

  • Nuovo caso sospetto di Coronavirus: 40enne da Bisceglie al Policlinico di Bari. All'aeroporto di Palese arriva lo scanner termico

  • Incidente sul lungomare di Bari: auto si ribalta e finisce accanto al marciapiede

Torna su
BariToday è in caricamento