Piste ciclabili: la mappa di Bari

Le piste ciclabili rappresentano un valore aggiunto una città di mare come la nostra e rappresentano un modo sano ed ecologico per muoversi e visitare Bari

Le piste ciclabili separano il traffico ciclabile da quello motorizzato e da quello pedonale, in quanto hanno velocità diverse, per migliorare la sicurezza stradale e facilitare lo scorrimento dei veicoli. L'obiettivo è lo spostamento di quote di mobilità dal mezzo motorizzato privato alla bicicletta, riducendo in tal modo congestione e inquinamento. Sono sempre più numerose le piste ciclabili in Italia, ci sono i percorsi adatti a chi pratica sport, a chi preferisce pedalare lungo itinerari storici, culturali spirituali, a chi va alla ricerca di luoghi nascosti e a chi ama uscire dalla città per una giornata a contatto con la natura

Tipologie

Vi sono differenti tipi di piste ciclabili, possono essere monodirezionali o bidirezionali. Dal punto di vista della collocazione distinguiamo: 

  • percorsi ciclabili urbani
  • percorsi ciclabili extraurbani

Tipologie realizzative

A livello delle tipologie realizzative possono, invece, individuare: 

  • piste ciclabili in sede propria: si tratta di percorsi che corrono paralleli a strade aperte al traffico veicolare, ma separati da cordoli, marciapiedi o transenne, ringhiere, piolini, in modo da rendere impossibile la commistione con il traffico veicolare. Tale tipologia è prevista soprattutto per arterie ad intenso traffico motorizzato e alta differenza di velocità con le biciclette. Generalmente l'ossatura di una rete ciclabile urbana, proprio perché essa ricalca le grandi direttrici di spostamento motorizzato, è costituita da piste ciclabili di questo tipo, in modo da ridurre al minimo i rischi derivanti da possibili invasioni da parte di mezzi a motore e possibili collisioni. La separazione fisica di questo tipo di piste ciclabili innalza anche la percezione soggettiva della sicurezza da parte dei ciclisti, incentivandola dunque, e rende impossibile o molto difficile l'ostruzione da sosta abusiva. 

  • piste ciclabili con separazione ottica/logica (corsie): si tratta di porzioni di carreggiata riservate al transito delle biciclette, indicate solo da segnaletica verticale e orizzontale (doppia striscia bianca e gialla, analoga alle corsie preferenziali), senza separazioni fisiche. Tale tipologia è prevista dalla normativa tecnica vigente (DM 557/99) solo per strade di quartiere e solo monodirezionali, nello stesso senso del traffico. A causa della frequente invasione da parte di veicoli in transito, o di ostruzione in sosta abusiva, le corsie ciclabili vengono talvolta protette con separazioni "morbide", per esempio cordolini colorati, strisce di piolini flessibili e così via. 

  • piste ciclabili contigue al marciapiede: nel caso di marciapiedi di sufficiente larghezza, o ampliandoli, è molto diffuso ricavare piste ciclabili dalla fascia esterna, mentre quella interna rimane riservata ai pedoni. La pista ciclabile è separata dal flusso pedonale tramite striscia bianca continua e con il facoltativo fondo colorato (generalmente rosso) che innalza la riconoscibilità e riduce il conflitto derivante da utilizzo improprio da parte di pedoni. Il grado di separazione dal traffico motorizzato è simile a quelle delle piste ciclabili in sede propria, ma minore rispetto al flusso pedonale, riducendo in tal modo la velocità di scorrimento dei ciclisti. Tale tipologia è presente anche su arterie di scorrimento, dove il traffico pedonale sia ridotto, e quindi modesta la possibile conflittualità. La tendenza attuale è di utilizzare questo tipo di piste ciclabile come livello di protezione intermedio rispetto alle corsie ciclabili. Vengono usate prevalentemente per ottenere una maglia più fitta delle reti ciclabili urbane. Anche in questo caso si ha un alto grado di sicurezza oggettiva e soggettiva per i ciclisti. 

  • percorsi ciclo - pedonali: in certi contesti si tende a far confluire su una infrastruttura comune pedoni e ciclisti, mantenendo un buon grado di protezione rispetto al traffico motorizzato. È il caso di percorsi inseriti in aree verdi in cui non è consentito l'accesso ai veicoli a motore, con uso prevalentemente ricreativo, ed anche gli itinerari cicloturistici. Questo tipo di percorsi si riscontrano anche in ambito urbano, talvolta per motivi di spazio insufficiente alla separazione.

    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...

Piste ciclabili a Bari

  • Pista ciclabile Politecnico-via Re David. 230 metri su via De Ruggiero, 280 metri su viale Di Vittorio e 330 metri su via Re David, collega direttamente l’area universitaria del Politecnico e del Campus universitario con la pista ciclabile di viale Della Repubblica e con quella di parco 2 Giugno.
  • Pista ciclabile VIALE SALANDRA – VIALE JAPIGIA – VIA OBERDAN Pista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sezione stradale larghezza minima di 1,50
  • Pista ciclabile VIALE ORAZIO FLACCO SPista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sezione stradale larghezza minima di 1,50 
  • Pista ciclabile VIALE PAPA PIO XII Pista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sezione stradale larghezza minima della pista ciclabile di 1,50 m 
  • Pista ciclabile VIALE J. F. KENNEDY  Pista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sezione stradale  larghezza minima della pista ciclabile di 1,50 m 
  • Pista ciclabile VIALE CONCILIO VATICANO Pista ciclabile monodirezionale. La larghezza minima della pista ciclabile di 1,50 m 
  • Pista ciclabile VIALE LUIGI EINAUDI Pista ciclabile bidirezionale sullo spartitraffico centrale con la larghezza della pista sarà di 3,00 m.
  • Pista ciclabile VIALE PAPA GIOVANNI XXIII Pista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sede stradale larghezza pari a 1,50 m 
  • Pista ciclabile VIALE MAGNA GRECIA Pista ciclabile monodirezionale su entrambi i lati della sede stradale larghezza pari a 1,50 m 
  • Pista ciclabile Lungomare Cristoforo Colombo (S. Spirito), lungomare Tenente Massaro Nicola (S. Spirito – Palese) e sul lungomare Ugo Lorusso (Palese) 
  • Pista ciclabile che collega viale Giuseppe Di Vittorio (nello spartitraffico centrale), via Re David e via Guido De Ruggiero, nel quartiere San Pasquale
  • Pista ciclabile sul LUNGOMARE DAL CASTELLO SVEVO AL PORTO DI BARI
  • Pista ciclabile NELLA CITTA DI BARI LUNGO IL PERCORSO DELLA CARBONERIA C SO MAZZINI VIA TREVISANI VIA PERRONE
  • Pista ciclabile VIA CALDAROLA TRATTO VIA TOSCANINI - VIA LOIACONO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro auto-moto tra Locorotondo e Martina, muore giovane coppia: lasciano un bimbo di dieci mesi

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento