L'antifurto per la sicurezza della tua moto: quale scegliere

Meccanico ed eletronico, l'antifurto giusto per tenere al sicuro dai ladri la tua moto. Ecco quale scegliere

©www.motorbox.com

A Bari, come in ogni altra città, l'incubo ricorrente di ogni automobilista e motociclista è quello di non ritrovare più per strada la propria auto o il proprio motore. I furti sono una realtà con la quale scontrarsi ma non per questo il buon motociclista appassionato della strada debba rinunciare a possedere una moto. Esistono degli ottimi sistemi di sicurezza che proteggono le due ruote dai malintenzionati, suddivisibili in due grandi categorie:

- Antifurti meccanici

- Antifurti elettronici

Antifurti meccanici per moto: dalle classiche catene al bloccadisco

L'antifurto di tipo meccanico è quello più utilizzato e anche il più economico;  il modello più comune è la classica catena con lucchetto, utile ad ancorare la moto ad un palo. Tra l'infinità di modelli presenti sul mercato vi suggeriamo le catene in acciaio cementato, di diametro di almeno 10 mm, con una lunghezza di almeno 150 cm e con maglie a sezione semiquadra o meglio ancora esagonale. E’ consigliabile, inoltre, un modello ricoperto da una guaina di protezione e dotato di borsa per il trasporto. 
Non dimentichiamo, ovviamente il lucchetto; da evitare le serrature a cilindri e preferire quelle di ultima generazione con incisioni su entrambi i lati della chiave.

Occupiamoci ora dei bloccadisco, antifurti meccanici molto diffusi grazie alla loro facilità di utilizzo e di trasporto. Una soluzione decisamente più leggera della catena con lucchetto che va fissata al disco della moto o dello scooter, impedendone la rotazione completa e quindi lo spostamento del mezzo. Come nelle catene è importante valutare la qualità dell’acciaio con i modelli più robusti che utilizzano una struttura in leghe speciali e ricavata dal pieno, resistente al congelamento con azoto e alla foratura. Ricordiamo, infine, che alcuni bloccadisco sono dotati anche di un utile sistema di allarme acustico.

Antifurti elettronici per moto: sirene, immobilizer, GPS

Sul mercato è inoltre possibile trovare anche soluzioni basate su sistemi elettronici, più costose e raffinate. Si va dal classico antifurto che emette un allarme acustico nel momento in cui qualcuno prova a rubare la motocicletta, agli immobilizer che impediscono alla moto di accendersi. Sistemi che si attivano automaticamente quando si toglie la chiave di accensione, bloccando il motore.
Infine l’antifurto satellitare, la soluzione tecnologica più avanzata e più costosa, che consente di monitorare costantemente la posizione della nostra moto grazie alla rete di satelliti GPS.

Prezzi antifurto per moto: modelli per tutte le tasche a partire da 30 euro circa

Concludiamo la nostra guida dedicata agli antifurto per moto parlando dei prezzi, decisamente variabili in base alla tipologia e ai materiali utilizzati. Si parte da circa 30 euro per un bloccadisco, ai 50 euro per una catena. Infine il costo di un antifurto per moto dotato di GPS che può andare dai 50 ai 100 euro.

Antifurto Moto: i più venduti sul web

Alcuni riferimenti dove trovare antifurto per moto a Bari

Loiacono Moto Via Luca De Samuele Cagnazzi, 4 Bari

Ems Spare Parts srl Via Michele Cifarelli, 28/A Bari 

Ghergo Str. Rurale Cannone, 2 Bari

Baldassarre Moto Via Niceforo, 4/B Bari 

Autotecnica Caporusso Viale Caduti di Nassiriya, 32/34 Bari

New Center Motor Bikers Via Alessandro Manzoni, 218/A Bari

Debert Moto Via Quintino Sella, 29/A Bari 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Formiche volanti: come scongiurare l'invasione in casa

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • Donna trovata senza vita a Bari: morta dissanguata, in casa c'erano compagno e figlia

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento