Come scegliere il parasole per auto

Quando si viaggia in auto o si lascia la macchina per diverse ore sotto il sole cocente molti di noi si preoccupano giustamente di proteggere gli interni dall'esposizione solare. I raggi tendono a seccare e a sbiadire i tessuti dei sedili come anche il cruscotto. I consigli su come fare l'acquisto giusto

Quando si viaggia in auto o si lascia la macchina per diverse ore sotto il sole cocente molti di noi si preoccupano giustamente di proteggere gli interni dall'esposizione solare. I raggi infatti tendono a seccare e a sbiadire i tessuti dei sedili come anche il cruscotto. Tuttavia scegliere il miglior parasole per auto, può sembrare roba da niente, ma occorre invece considerare alcuni fattori prima di fare un acquisto mirato. Per evitare, soprattutto d’estate, di trovare il volante e il resto della macchina bollente dopo una giornata al mare o di raschiare il parabrezza d’inverno cercando di rimuovere la neve, ecco alcuni fattori da considerare prima di fare l'acquisto  di questo importante accessorio.

Stagionalità

Potete decidere di acquistare un unico parasole da posizionare all'esterno della macchina, sul parabrezza, che serva per proteggere dal sole e dal calore come anche per evitare che si crei ghiaccio sul vetro o che vi si depositi la neve. Potete optare altrimenti per uno di quelli che vengono posti e fissati all’esterno della macchina usati solo in estate.

Dimensioni

Occorre misurare bene le dimensioni del parabrezza prima di scegliere un parasole. In commercio spesso si trovano quelli che vengono definiti ''universali'' ma non sempre è così. Purtroppo capita spesso che questi non coprano totalmente il vetro. le dimensioni del parabrezza cambiano infatti a seconda che si parli di una city-car, di una familiare o di un SUV.

Materiale

Scegliere il materiale giusto può rivelarsi un vero investimento. Il parasole è un accessorio sottoposto a forti stress per le alte o basse temperature a seconda che si tratti di sole o neve, quindi cercate di considerare per l'acquisto un parasole realizzato con tessuti tecnici e che non si sciolgano o, nella peggiore delle ipotesi, possano addirittura prendere fuoco. Se invece lo dovete usare con le basse temperature occorre che sia realizzato in materiale impermeabile. Risulterà molto più facile in questo modo rimuovere la neve e il ghiaccio.

Praticità

Siamo abituati all'idea del parasole arrotolato e sistemato nel bagagliaio. Oggi esistono modelli che una volta chiusi sono compatti e pratici tanto da poter essere conservati nel cruscotto o nella tasca laterale della portiera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • L'arsenale dei Parisi-Palermiti-Milella in un anonimo appartamento di Japigia. Chili di cocaina pronti per i clan di tutta la città

  • Irrompono negli uffici della polizia Locale di Capurso: comandante preso a pugni in faccia e minacciato di morte

Torna su
BariToday è in caricamento