Batteria dell'auto a terra: come usare il cavo di avviamento in caso di emregenza

Può capitare a tutti di avere la batteria della propria auto scarica: se la vostra autonon è dotata di centralina elettronica allora bisogna ricorrere ad un cavo di avviamento e chiedere l'ausilio di un'altra macchina per fornire l'energia necessaria alla messa in moto

Dimenticare la luce interna, i fari o l'autoradio accesi potrebbe costarci la batteria a terra della nostra auto. Sono purtroppo distrazioni e dimenticanze che possono infatti comportare problemi con l’avviamento del veicolo. Se ci si trova fuori e si presenta questo problema, l'unico modo per far ripartire l'auto è ricorrere all'avviamento di emergenza. In questo caso, occorrerà un cavo di avviamento e un altro veicolo che possa "prestarci" la carica necessaria. Ecco come procedere per le vetture NON dotate di centralina elettronica.

Il cavo di avviamento

Un cavo di avviamento non adatto o di bassa qualità potrebbe bruciarsi o causare un danno serio ai componenti elettronici dell’auto. Per essere sicuri di avere il cavo giusto, è necessario che questo abbia tre caratteristiche:

  • deve essere adatto ai veicoli a diesel (diametro della parte in alluminio da 25 mm² che corrisponde al diametro dalla parte in rame da 16 mm²).

  • Le pinze devono essere completamente isolate, devono attaccarsi bene ed entrambe le superfici di contatto e sono collegate al cavo principale.

  • Il cavo deve avere la protezione da sovratensioni.

Come collegare il cavo di avviamento

Il cavo di avviamento deve essere collegato seguendo una determinata procedura, in modo tale che tutto venga svolto con la massima sicurezza:

  • Per prima cosa, parcheggiate entrambe le auto vicine, in modo da collegare le due batterie con il cavo rosso.

  • Spegnete il motore ed il blocchetto dell’accensione, rimuovete entrambi i coperchi dai poli della batteria.

  • Accendete le luci sul veicolo soccorritore.

  • Collegate i poli positivi di entrambe le auto con il cavo rosso.

  • Chiudete il circuito di alimentazione con il cavo nero, collegando le carrozzerie delle due auto.

Consigli

Attenzione, ricordate che prima di avviare il motore è necessario spegnere tutti i dispositivi elettrici ed elettronici. Dopodiché sarà possibile avviare il motore. Se entrambi i motori sono avviati, prima bisogna rimuovere il cavo negativo e dopo quello positivo. I cavi devono essere riposti con cura e in sicurezza e su entrambe le batterie devono essere installati i coperchi di protezione. Dopo aver fatto partire l’auto tramite il cavo, la batteria del veicolo deve essere di nuovo caricata. Per fare ciò è necessario guidare per almeno 30-40 minuti senza accendere gli altri componenti elettronici. Appena possibile, è consigliabile caricare la batteria fino al massimo con il caricabatterie presso un’autofficina. Infine, ricordiamo che sono disponibili in commercio diversi avviatori di emergenza auto, ossia degli apparecchi in grado di avviare da soli un veicolo diverse volte, quando appunto la batteria di quest'ultimo è scarica.

Ricordiamo che la procedura suggerita è vivamente sconsigliata per tutte le vetture dotate di centralina elettronica, in quanto, con tale procedura, si potrebbe rischiare di bruciare la centralina. In questo caso, è consigliato dare un'occhiata al libretto di uso e manutenzione della vettura in questione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • Coronavirus, in Puglia otto nuovi positivi: sette casi sono in provincia di Bari

  • Furto con spaccata in via Carulli: assaltata gioielleria, malviventi via con il bottino

Torna su
BariToday è in caricamento