BariToday Torre a Mare

movimento patria nostra:lo stato e' colpevole quanto chi ha innescato la bomba!

Il Movimento Patria Nostra, federato con Forza Nuova, interviene sul triste episodio di Brindisi e chiede l'impegno delle istituzioni affinchè venga fatta luce sull'accaduto.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il Movimento Patria Nostra si stringe intono alla famiglia e agli amici della giovane Melissa. Una giovane vita stroncata da un gesto inumano e senza confronti.

Una vita a cui non è stata data la possibilità di vivere le gioie che il futuro aveva in serbo per lei, stroncando questo bellissimo fiore nel periodo più bello e più spensierato.

Non esponiamo i nostri pensieri e sospetti di chi potrebbe essere la mano ignobile di questo folle gesto, ma chiediamo a chi di dovere di fare tutto il possibile affinchè si sappia la verità sull'accaduto e che si eviti che anche questo diventi "un mistero italiano". Lo si deve alla giovane Melissa, alla giovane Veronica che lotta tra la vita e la morte, agli altri ragazzi feriti, alle loro famiglie, a chi avrà per sempre nella mente quei momenti tremendi, a chi non riuscirà mai più a dimenticare, ad un intero popolo ferito a morte!

Oggi l'Italia intera è a lutto! Ma c'è chi deve fare i conti con la propria coscienza. Se siamo arrivati ad un passo dal baratro, se siamo in balia di pazzi criminali, se siamo costretti ogni giorno a contare i suicidi, se siamo costretti a piangere per la vita stroncata di una bambina, se siamo costretti a vedere il nostro futuro andare in pezzi… lo si deve ad un classe politica inadeguata che in questi anni non ha saputo fare altro che bivaccare sui banchi del parlamento! Ora i partiti politici di centro destra e centro sinistra si uniscono al dolore dei familiari, con messaggi di cordoglio, il Premier Monti e Napolitano dichiarano che faranno di tutto per trovare i colpevoli; ma invece di lacrime di coccodrillo, dovrebbero chiedersi cosa avrebbero potuto e dovuto fare prima per evitare che ciò accadesse!

In Italia la classe politica piange a morto avvenuto, ma prima della tragedia pensa solo ad arricchire il proprio portafoglio e la propria fame di potere!

E il popolo? Il popolo è corresponsabile dell'accaduto, è complice senza sapere di esserlo!

Per anni si è fatto abbindolare dal voto utile collaborando a far si che la classe politica si alterni in quinquenni di potere senza mai però di fatto lasciare le poltrone!

Ancora oggi sui banchi del Parlamento vediamo facce note non solo al popolo, ma anche ai giudici e ai clan malavitosi!

Sono lì, appollaiati sul loro banchetto come avvoltoi aspettando di potersi cibare della carcassa del popolo Italiano!

Sono loro i veri responsabili di stragi e suicidi! Sono loro con la nostra indiretta complicità i veri colpevoli!

Non so e non mi interessa sapere chi è il mandante! Se è la Mafia (cosa che credo poco), se è di matrice anarchica, se è di matrice islamica, se è solo un gesto atto a creare un diversivo per farci distrarre da ciò che sta accadendo al nostro paese…so solo che una bimba è morta ed un'altra è grave! So solo che una mamma e un papà oggi piangono per quel sorriso che non vedranno mai più! So solo che tanti ragazzi ora vivono nel terrore! So solo che oggi per me, più di ieri, lo Stato è colpevole! Lo Stato e la classe politica Italiana sono direttamente o indirettamente i mandanti di questo omicidio!

So solo che il Popolo Italiano è complice sostenendo queste persone e non avendo il coraggio delle azioni e delle idee.

So solo che saremo nelle piazze Italiane a protestare con la crisi politica ed economica Italiana anche nel Suo nome! Perché solo ribellandoci potremo dare giustizia a questa giovane vita stroncata nel fiore degli anni!

 

Valerio Arenare

Segretario Nazionale MPN

 

 

Ufficio stampa Movimento Patria Nostra

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

movimento patria nostra:lo stato e' colpevole quanto chi ha innescato la bomba!

BariToday è in caricamento