Martedì, 26 Ottobre 2021
BariToday

La tragica fine di tante persone deve interrogare con severità la nostra coscienza di uomini e donne impegnati nella politica e nel sociale

Su come ci poniamo di fronte a tali situazioni, che non sono di oggi ma provengono da lontano.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Nel 2017 non possono più essere tollerate simili tragedie" A dirlo il Segretario Generale FNP CISL Puglia Vitantonio Taddeo, che spiega - "Il problema si ripropone anche d'estate quando le nostre città diventano incandescenti; le scarse difese immunitarie e la decomposizione della sporcizia che li avvolge non consente a queste persone di poter sopravvivere. Allora io mi chiedo: i nostri responsabili della cosa pubblica nazionale e regionali, gli amministratori comunali, come mai non si accorgono della presenza e della sofferenza di queste persone? Del pessimo esempio che offriamo ai nostri figli, nipoti, turisti, ecc.? È possibile che noi cittadini notiamo queste realtà nelle stazioni ferroviarie, nei giardini, sotto i portici, nelle piazze, in locali o capannoni dismessi e che sono, invece, invisibili a chi avrebbe il dovere di notarle? E quindi, non notandole, non ci si pone il problema di risolverle… Un moto di vergogna dovrebbe invadere le nostre coscienze. Come si fa a non pensare ad Angelo di Avellino, morto assiderato, che alcuni giorni addietro aveva chiesto aiuto alle istituzioni, il cui appello è caduto nel vuoto? È possibile che il tutto sia affidato e delegato soprattutto alla Caritas e alle innumerevoli associazioni di volontariato, vere sentinelle sociali del territorio? Qualcuno afferma che spesso ci si trova di fronte a persone che del vivere da clochard ne hanno fatto uno stile di vita!! Tuttavia tutto questo non è più possibile, né tollerabile! Il grande gesto umano del Papa che ha invitato i parroci ad aprire le chiese per dare rifugio, sia pure provvisorio, alle persone senza fissa dimora, è un monito a tutti noi e a tutta la Chiesa e un esempio per le istituzioni, affinché ci occupiamo e ci preoccupiamo di chi è meno fortunato di noi. La Chiesa, così come le associazioni di volontariato, non possono tutto, non possono sostituirsi a coloro che hanno il dovere di occuparsi e risolvere questi grandi disagi sociali. Si fa un gran parlare di reddito di cittadinanza, di dignità, proprio tanto, ma in tal senso possiamo affermare che, fino ad ora, solo la Regione Puglia ha deliberato il provvedimento, mentre a livello nazionale non si è passati dalle parole ai fatti. "Mi chiedo - conclude il segretario generale regionale - perché nel nostro Paese non vengono utilizzate caserme, capannoni industriali, ex basi americane, scuole, uffici, conventi, luoghi ormai abbandonati. Infatti questi locali non vengono utilizzati e poi si spendono tanti soldi per ospitare gli immigrati negli alberghi, creando una strana, oserei dire, discriminazione tra gli immigrati ricoverati negli alberghi e quelli che, notoriamente, vengono tenuti nei ghetti della Capitanata, di Nardò, di Rosarno in Calabria, etc. Basterebbe ripristinare un minimo di funzionalità alle predette strutture e mettere in condizione le persone ivi ospitate di avere un tetto sulla testa, di potersi lavare, coadiuvati anche dai volontari, poter preparare da mangiare; creare un circuito di volontariato che veda gli ospiti attori compartecipi del loro stato. Insomma educarli all'autosufficienza e l'autosufficienza contribuisce al recupero della dignità umana. Purtroppo lo so che sto proponendo cose impossibili per chi ci governa e ci amministra, ma per svolgere un certo ruolo occorre saper volare alto, essere capaci di avere grandi progetti; ma, ahimè! quando registro che non si riesce a fronteggiare nemmeno il disagio che una piccola nevicata provoca, peraltro, annunciata da giorni a suon di tromba a tutti i livelli, e non si è capaci di buttare un po' di sale almeno sulle strade principali, e né, tantomeno, pulire i marciapiedi fonti di forti rischi soprattutto per le persone anziane!! di che stiamo parlando?? Quanta amarezza assistere a tanta colpevole insensibilità e degrado!!"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tragica fine di tante persone deve interrogare con severità la nostra coscienza di uomini e donne impegnati nella politica e nel sociale

BariToday è in caricamento