Come si diventa una delle migliori torrefazioni italiane? La parola al caffè

Cinque modi efficaci per fare del caffè un oggetto di culto

La prossima volta che portate la tazzina alle labbra, in attesa di assaporare quella pozione miracolosa e rigenerante che è il caffè, pensate a quanta strada ha fatto per arrivare fino al vostro palato con quell’aroma e quel gusto specifici e inconfondibili. Nato in una piantagione tropicale e custodito all’interno di una piccola bacca rossa, il seme di caffè è ancora verde quando viene mandato alla torrefazione. È solo qui, con la tostatura, che il chicco di caffè assume quel colore scuro che tutti conosciamo, ed è solo in questo momento che è pronto per essere macinato, diventando polvere scura. Al resto, come sappiamo, pensa la moka che, con un semplice crepitio, ci avvisa che il viaggio di quel piccolo chicco sta per terminare.  

Un percorso lungo che trova proprio nella torrefazione il suo momento più significativo, in quanto è qui che si decidono la qualità, il gusto e l’aroma di ogni singola miscela che, in definitiva, è ciò che fa la differenza tra i vari marchi sul mercato. 

Tradizione e innovazione: il segreto del caffè sta nel saperle bilanciare

Oggi, però, le torrefazioni si devono giostrare tra l’indiscussa qualità dei metodi tradizionali e l’avvento di nuove modalità di consumo e di produzione sempre più all’avanguardia. Basti pensare che oltre alla moka esistono molti altri metodi di estrazione. Sta proprio qui il segreto delle migliori torrefazioni italiane, nel saper bilanciare tradizione e innovazione.

I 5 segreti di una torrefazione di successo

Lo sa bene Quarta Caffè, storica azienda a gestione familiare di Lecce che, da quattro generazioni, porta avanti con impegno e passione il lavoro iniziato oltre 60 anni fa dal fondatore Gaetano Quarta. L’azienda racchiude i segreti della propria crescita inarrestabile in cinque principi che segue in modo rigoroso:

    1. Il legame con il Salento, intimo e reciproco, mette Quarta Caffè nella posizione di pensare costantemente alla salvaguardia del territorio, impegnandosi con programmi sociali che accolgano temi ambientali legati alla sostenibilità e attivando anche politiche energetiche virtuose per la stessa azienda: un impianto eolico e uno fotovoltaico, infatti, garantiscono buona parte del fabbisogno energetico della struttura che si sviluppa su un’area di 12.000 mq, tra magazzini, stabilimento produttivo e uffici.
       
    2. Una comunicazione veloce e moderna, adatta a un mercato sempre più dinamico, che vede il consumatore informato e consapevole delle proprie scelte. Una comunicazione in grado di veicolare, quindi, i valori aziendali anche alle nuove generazioni, le più sensibili proprio ai temi del rispetto dell’ambiente, della sostenibilità e della tracciabilità del prodotto.
       
    3. Gli alti standard qualitativi del prodotto, derivati proprio dal saper conciliare la storica esperienza transgenerazionale della famiglia Quarta, all’innovazione del processo produttivo moderno, che si serve di impianti tecnologici all’avanguardia, in grado di lavorare ogni anno oltre 70.000 sacchi di caffè e di produrre un vasto assortimento di miscele. Ed è proprio sulla conoscenza profonda dei metodi tradizionali che si innesta la realizzazione del nuovo laboratorio di ricerca e sviluppo che ha portato Quart Caffè a studiare e sperimentare nuove origini e metodi di estrazione, grazie alla competenza di esperti Q-grader certificati. Insomma, il segreto è innovare nella continuità, senza mai perdere di vista la qualità del prodotto.
       
    4. Un’organizzazione complessa in grado di interagire apertamente con il sistema territorio e di assicurare la qualità dei processi e di tutta la filiera di distribuzione, permette di sottoporre la produzione a rigide linee guida, protocolli e disciplinari di qualità e sicurezza, tanto da diventare un punto di riferimento nazionale nel mercato del caffè di qualità. 
       
    5. Iniziative sempre apprezzate dal pubblico hanno contribuito a Quarta Caffè di affermarsi come il più amato e consumato caffè del territorio salentino. Non solo aroma e gusto inconfondibili delle miscele, dunque, ma anche confezioni o gadget accattivanti e dedicate ai diversi periodi dell’anno. Quest’anno, con l’arrivo del Natale, è stata preparata la Nuova Gift Box Quarta Caffè, un’idea perfetta per un regalo sicuramente apprezzato da amici e parenti. La Nuova Gift Box è acquistabile esclusivamente sull’e-shop di Quarta Caffè e contiene una selezione pregiata di miscele (la miscela Barocco e la Avio Oro sono i pezzi forti della produzione) e cialde compostabili dai sapori unici e raffinati, oltre che tanti gadget a tema, tra cui anche il Calendario 2021 di Quarta Caffè.

Caffè: il regalo ideale per un Natale dall’aroma inconfondibile

Insomma, c’è poco da fare, qui è il caffè che parla direttamente ai suoi più appassionati sostenitori, gli italiani. E racconta di una delle migliori torrefazioni della Penisola, Quarta Caffè. Lo fa parlandoci della storia e della passione di una famiglia, di Paesi lontani ma anche di territori a noi cari, di tecnologia e innovazione. Lo fa rivelando, anche e soprattutto, alle nuove generazioni, una tradizione secolare che non va perduta e che oggi diventa un must irrinunciabile e che assume nuove forme, trasformandosi addirittura in oggetto da collezione. 

Il caffè di Quarta Caffè ci sussurra all’orecchio e soprattutto al palato, ricordandoci che il Natale è alle porte e offrendoci la possibilità di regalare ai nostri cari l’aroma inconfondibile di tante mattine cominciate insieme con la marcia giusta.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scuola in Puglia, verso la nuova ordinanza: didattica a distanza fino al 5 marzo, obiettivo vaccinare il personale

  • Scuola a distanza per contrastare il Covid, il Tar accoglie ricorso e sospende l'ordinanza della Regione Puglia

  • Caos scuola in Puglia, Codacons annuncia nuovo ricorso al Tar contro l'ultima ordinanza di Emiliano: "Indecorosa"

  • Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

  • La Puglia sarà ancora zona gialla ma il virus circola e colpisce i bambini. Lopalco: "Entro luglio vaccinare il 50%"

  • Lopalco propone di allungare l'ordinanza per la didattica digitale: "Prorogarla fino a primavera, rischio varianti alto"

Torna su
BariToday è in caricamento